Home Napoli News Il mese che ha cambiato la stagione del Napoli: dalla Juve alla...

Il mese che ha cambiato la stagione del Napoli: dalla Juve alla Juve

CONDIVIDI

In un mese la stagione del Napoli è completamente cambiata: dal sogno di vincere la Supercoppa Italiana al rischio fallimento.

Era il 20 gennaio quando il Napoli, reduce dalla goleada casalinga contro la Fiorentina, affrontava una Juventus scossa dalla pesante sconfitta subita in campionato contro l’Inter nella finale della Supercoppa Italiana. Allora sembravano esserci tutti i presupposti per assestare il colpo di grazia ai bianconeri e mettere in bacheca il secondo trofeo dell’era Gattuso.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Infortunio Mertens: un incubo senza fine

Due sconfitte consecutive: la crisi è aperta

Le cose però a Reggio Emilia quella sera sono andate molto diversamente. La Supercoppa Italiana è finita nella bacheca della Juventus, mentre il Napoli si leccava le ferite per il rigore del possibile 1-1 fallito da Insigne. Poteva essere solo uno sfortunato episodio, invece quel rigore calciato fuori dal capitano è diventato una vera e propria sliding door della stagione. Da allora infatti il Napoli non si è mai più rialzato, inanellando una serie di prestazioni sconcertanti e risultati deludenti. Quattro giorni dopo è arrivata un’altra bruttissima sconfitta sul campo del Verona, poi due vittorie casalinghe senza brillare contro Spezia in Coppa Italia e Parma in campionato, quindi ecco il pareggio nell’andata della semifinale contro l’Atalanta fino alle sconfitte di Genova e Bergamo che hanno determinato l’apertura ufficiale della crisi.

Insigne deluso
Lorenzo Insigne deluso (Getty Images)

La stagione del Napoli a un bivio: Juve, Granada, Atalanta

I rapporti tra Gattuso ed il presidente, come evidenziato dalle stringate dichiarazioni del tecnico su De Laurentiis dopo Atalanta-Napoli, sembrano arrivati ai minimi termini tanto che le prossime gare potrebbero davvero segnare il futuro dell’allenatore calabrese sulla panchina azzurra. Ad attenderlo ci sono nell’ordine Juventus in campionato, Granada in Europa League ed infine di nuovo Atalanta, ma stavolta in campionato, fino al ritorno con gli spagnoli. Un mini-ciclo di quattro partite in 12 giorni che potrebbe dire molto, se non tutto, sulla stagione del Napoli e sul futuro di Gattuso.