Home Napoli News Napoli da record in Nazionale: non succedeva da 33 anni

Napoli da record in Nazionale: non succedeva da 33 anni

CONDIVIDI

Il Napoli può vantare un record grazie alla Nazionale, sono ben quattro i giocatori partenopei convocati da Mancini per Euro 2020.

Le convocazioni di Mancini per Euro 2020 regalano una soddisfazione al Napoli dopo la grande delusione per la mancata qualificazione alla prossima edizione della Champions League.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> I 28 preconvocati di Mancini per Euro 2020

Mancini sceglie Meret e Politano

Al momento, in attesa del taglio di altri due calciatori previsto entro martedì, sono infatti ben quattro i calciatori del Napoli che vestiranno la maglia azzurra agli Europei. Oltre a Di Lorenzo e Insigne, ormai da tempo sicuri del posto, Roberto Mancini ha deciso di convocare pure Alex Meret e Matteo Politano che hanno vinto i rispettivi ballottaggi con Cragno del Cagliari e Moise Kean del PSG facendo salire a quattro i rappresentanti del Napoli in Nazionale.

Insigne Italia
Insigne Italia (Getty Images)

Napoli da record in Nazionale: l’ultima volta nel 1988

Un piccolo record per la società azzurra dato che il Napoli non porta quattro suoi calciatori a una competizione internazionale con la maglia dell’Italia da ben 33 anni, quando agli Europei del 1988 parteciparono quattro giocatori azzurri: i difensori Ferrara e Francini ed i centrocampisti De Napoli e Romano. Mentre sempre nel 1988 parteciparono alle Olimpiadi di Seul altri quattro calciatori del Napoli: Giuliani (portiere), ancora il difensore Ferrara, Crippa (centrocampista) e Carnevale (attaccante).

Politano sovverte le gerarchie anche in azzurro

La grande sorpresa tra le convocazioni di Mancini è sicuramente Matteo Politano, di fatto mai considerato dal CT negli scorsi mesi ma che ha conquistato la Nazionale grazie a un ottimo finale di stagione che lo ha visto strappare il posto da titolare a Lozano e chiudere con un bottino di 12 goal in 50 presenze tra tutte le competizioni. Abbastanza evidentemente per sovvertire le gerarchie anche in Nazionale e convincere Mancini.