Spalletti fiducioso su Insigne: “Lui e De Laurentiis andranno al sodo”

0
43

Prima conferenza stampa dal ritiro di Dimaro per Luciano Spalletti: fiducia per il rinnovo di Insigne, grande stima per Koulibaly.

Spalletti Napoli Insigne
Luciano Spalletti (GettyImages)

Dal silenzio stampa alla conferenza by night: il Napoli ha inaugurato il nuovo corso sotto ogni punto di vista, puntando sulla loquacità di Luciano Spalletti. Il ritiro di Dimaro è iniziato da qualche giorno e il tecnico toscano sta avendo modo di conoscere meglio la squadra che dovrà guidare verso la conquista di un posto in Champions League il prossimo anno, obiettivo dichiarato dopo la delusione andata in scena lo scorso mese di maggio. Nell’incontro con i giornalisti, Spalletti si è soffermato su diversi argomenti anche se, quello principale per ovvie ragioni, riguarda naturalmente la trattativa per il rinnovo di Lorenzo Insigne.

Da parte del mister tanta fiducia sul buon esito dei futuri colloqui, senza però entrare nel merito della vicenda: “Con Lorenzo ho parlato una volta per telefono e gli ho inviato un messaggio per complimentarmi, ho avuto l’impressione che sia il capitano che mi immaginavo da fuori. Voi volete trovare le magagne sul contratto, ma Insigne e De Laurentiis sono due persone forti: avranno tutto il tempo per guardarsi negli occhi e andare al sodo. Non rimestiamoci troppo, quando Lorenzo tornerà si parleranno e tutto sarà più chiaro”.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nubi sul rinnovo di Insigne: la frase agli amici che fa tremare i tifosi

Koulibaly come Insigne, Spalletti: “Ragazzo serio”

Parole importanti spese anche per Koulibaly, già uno dei punti fermi di Spalletti: “Dipendesse da me resterebbe sempre a Napoli, lui è difficile da sostituire. Gli si fanno i complimenti per la serietà, anche quando non parla i compagni lo rispettano per la sua presenza. Koulibaly e Manolas sono entrambi veloci e questo ci consentirebbe di aggredire alti, di sfruttare la loro grande fisicità nell’area. Dobbiamo migliorare nella costruzione del gioco: se gli avversari si chiudono non va bene lanciare verso gli attaccanti, ma entrare dentro e creare una proposta”.