Home Napoli News Nubi sul rinnovo di Insigne: la frase agli amici che fa tremare...

Nubi sul rinnovo di Insigne: la frase agli amici che fa tremare i tifosi

CONDIVIDI

Non accennano a dissiparsi i dubbi relativi al rinnovo di Insigne: la confidenza fatta agli amici non lascia margini per la fumata bianca.

Insigne Napoli rinnovo
Insigne Napoli (Getty Images)

E’ senza dubbio il caso più eclatante dell’estate del Napoli, un rinnovo che non sembra voler proprio arrivare: il futuro di Lorenzo Insigne continua a restare un tema spinoso, in cui è difficile destreggiarsi senza incappare in qualsivoglia ostacolo. Lo scorso 1° luglio il capitano azzurro è ufficialmente entrato nell’ultimo anno di contratto e, di passi in avanti in ottica prolungamento, finora nemmeno l’ombra. Una situazione di stallo che non può lasciare tranquilli i tifosi, atterriti all’idea che il leader della squadra e ‘scugnizzo’ per eccellenza possa proseguire la sua carriera con una maglia diversa da quella del Napoli.

Eventualità che prende sempre più corpo col passare dei giorni: il tempo scorre inesorabile e, con esso, anche la paura che alla fine Insigne dica basta, prediligendo un nuovo progetto. Un sentimento dal carattere disturbante, alimentato dall’ultima indiscrezione riportata da ‘La Gazzetta dello Sport’ nella sua edizione odierna: una frase che, qualora venisse confermata, diventerebbe il simbolo del malumore di Insigne e del suo addio al termine della prossima stagione. Il quotidiano rosa rivela che il capitano partenopeo avrebbe confidato ad alcuni amici la volontà di disputare nel migliore dei modi la prossima annata, l’ultima all’ombra del Vesuvio, per poi salutare lasciando un ricordo ancora più positivo di sé nella mente della gente.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Copa Maradona a Napoli tra Italia e Argentina: prima ipotesi per la data

Insigne, rinnovo sempre più complicato: restano le distanze con De Laurentiis

Le richieste di Insigne cozzano con quella che continua ad essere la volontà di De Laurentiis di ridurre i costi di gestione: un decurtamento della cifra dello stipendio non è contemplato dal giocatore, il quale al contrario spinge per un aumento, avvalorato dalla vittoria ad Euro 2020 che ha migliorato notevolmente il suo pedigree internazionale. Il braccio di ferro continua, con una certezza: il tempo per sanare le distanze è sempre meno.