Calciomercato Napoli, torna di moda Vecino: c’è l’ostacolo da superare

0
93

Il Napoli vuole puntare su Matias Vecino per il centrocampo e per sostituire Diego Demme infortunato: l’Inter pone un ostacolo alla dirigenza azzurra.

Matias Vecino - Inter
Matias Vecino (Getty Images)

L’infortunio di Diego Demme ha rimesso tutto in discussione a centrocampo, dal futuro di Fabian Ruiz all’eventuale cessione di Lobotka, ad un ritorno sul mercato per rinforzare il reparto. Era già noto che il Napoli avrebbe dovuto comprare un innesto, vista la partenza di Bakayoko – non riscattato dal Chelsea – ma ora è quasi obbligata la società ad intervenire per consentire a Luciano Spalletti di avere una rosa competitiva sin dall’inizio stagionale, con campionato ed Europa League che incombono.

Secondo quanto riportato da la Repubblica, il Napoli starebbe valutando un nome già noto ai tifosi azzurri e al mister: Matias Vecino torna prepotentemente di moda.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, nuovo nome per l’attacco: la rivelazione degli inglesi

Spalletti “riprende” Vecino: il Napoli ci prova, l’Inter pone un ostacolo

vecino napoli
Matias Vecino (GettyImages)

Il club partenopeo vorrebbe acquistare solo in prestito il centrocampista uruguaiano, mentre la società nerazzurra vuole cederlo solo a titolo definitivo. Nel caso le parti non riuscissero a trovare un accordo, Matias non diventerebbe un esubero, perché sarebbe apprezzato da mister Inzaghi ed il suo staff tecnico.

Vecino è stato accostato già in passato al Napoli, ma con Spalletti potrebbe avvenire il giusto affondo. Infatti, il centrocampista ha già lavorato con l’allenatore toscano, entrambi all’Inter. Matias fu artefice del gol celebre in Champions League contro il Tottenham, che fece impazzire i tifosi nerazzurri al San Siro e non solo. Quella rete è ricordata da molti per la nota telecronaca di Trevisani e Adani su Sky, diventata virale sul web: “La riprende Vecino”.

E questa volta potrebbe essere Vecino ad essere “ripreso” dal suo ex mister, con il quale ha disputato de stagioni da protagonista e 71 presenze in campo. Poi infortuni e qualche prestazione poco convincente hanno rimesso tutto in discussione, tanto da essere una pedina non fondamentale per Antonio Conte.