Napoli, le analogie tra Venezia e Genoa: Spalletti ha un’arma in più

0
245

Il Napoli conquista i tre punti contro il Genoa grazie al lavoro di Luciano Spalletti: il mister ha trovato la chiave per vincere le partite.

Calciatori del Napoli in posa per la foto
L’esultanza dei calciatori del Napoli (GettyImages)

Un’altra vittoria di carattere, di nervi. La seconda consecutiva, sempre così, sempre contro le avversità. Il Napoli porta a casa tre punti di platino a Genova, tre punti che forse in altri momenti non sarebbero mai arrivati. Col Genoa come col Venezia, fra gli azzurri e la vittoria ci si è messo uno sgambetto inatteso. Alla prima al Maradona il rosso a Osimhen, a Marassi invece è arrivato il gol di Cambiaso, subito dopo quello annullato – giustamente – al VAR per la carica a Meret.

In entrambi i casi il Napoli non si è fatto abbattere e ha portato a casa il risultato, mettendo a frutto proprio l’aspetto su cui Spalletti sta lavorando di più: il carattere, quello che è mancato all’ultima col Verona e in mille altre occasioni prima di lui.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Anguissa, colpo a sorpresa: chi è il mediano che ha stregato Giuntoli

Napoli, Spalletti pesca ancora il jolly dalla panchina

spalletti sulla panchina del napoli
Luciano Spalletti, allenatore del Napoli (GettyImages)

Pochi momenti di blackout in entrambe le partite. Gli azzurri quasi sempre in controllo dei match, sempre dominanti. La lucidità ed il carattere non sono mai mancati ed è per questo che sia contro il Venezia che contro il Genoa sono arrivati sei punti, il bottino pieno.

E per di più, Spalletti è riuscito a vincere ancora pescando il coniglio dal cilindro. Col Venezia Lozano ed Elmas, con il Genoa Ounas e soprattutto Andrea Petagna, uomo partita con un colpo di testa dei suoi, una di quelle caratteristiche che nel finale delle gare difficili fanno tutta la differenza del mondo. “Tu resti qui“, gli ha detto Spalletti a fine gara, e invece purtroppo no: Petagna è destinato a partire, sacrificato per prendere Anguissa. Un vero peccato, perché uno col suo carattere in questa squadra ci stava alla perfezione.