Spalletti, nel 2009 esordio in EuLeague: il curioso precedente con Rodgers

0
135

Il curioso dato sui precedenti di Luciano Spalletti in Europa League: l’unica volta che ha affrontato un’inglese l’allenava proprio Rodgers… e il tecnico del Napoli l’ha eliminata.

Il cammino del Napoli in Europa League è pronto a cominciare. La fase a gironi dell’edizione 2021-22 comincerà con il botto: gli azzurri sono chiamati a sfidare il Leicester di Rodgers al City Stadium. Si tratterà di un banco di prova importante, che da subito aiuterà a comprendere le intenzioni della società e della squadra in campo internazionale. Ma, a questo punto, che esperienza ha Spalletti in Europa League?

Spalletti in Zenit-Liverpool
Luciano Spalletti (Getty Images)

Il bilancio del toscano tutto sommato è positivo: 28 match totali di cui 17 vittorie, 4 pareggi e 7 sconfitte, per un totale di 55 punti. Quasi due a partita. C’è da dire che nelle esperienze affrontate con Roma, Zenit (per due stagioni, ndr) e Inter in Europa League Spalletti non è riuscito comunque a portare la squadra oltre gli ottavi, ma molto è dipeso nel tempo dalle ambizioni e dalla rosa a disposizione. Ciò non toglie che abbia avuto modo di firmare imprese storiche.

LEGGI ANCHE >>> Leicester, una big d’Europa: il cammino internazionale degli ultimi anni

Spalletti contro Rodgers, l’ultimo confronto è curioso

Dal 2009 (anno del debutto del tecnico in EL con i giallorossi), Spalletti non si è mai trovato ad affrontare una squadra inglese, tranne in un’occasione. Era la stagione 2012-2013 ed allenava lo Zenit. Ai sedicesimi di finale il sorteggio sembrò sfavorire i russi poiché pescarono il Liverpool. Tuttavia, riuscirono ad eliminare dalla competizione proprio la storica formazione inglese grazie al 2-0 casalingo e alla rete segnata ad Anfield (quella sfida terminò 3-1 per i Reds). Era il Liverpool dell’ex Napoli Pepe Reina, di Gerrard, di Luís Suárez… ma soprattutto era quello del tecnico Brendan Rodgers, lo stesso che oggi è alla guida del Leicester e col quale Spalletti tornerà a confrontarsi. Questa volta avrà con sé Osimhen e non Hulk, ma evidentemente un po’ di sorte potrebbe essere dalla sua, nonché buona conoscenza delle strategie avversarie.