Napoli al ballottaggio… in campo: tutti i dubbi di Spalletti dopo la sosta

0
333

In casa Napoli inizia l’era dei ballottaggi: al ritorno dopo la sosta, tutti i dubbi del tecnico Luciano Spalletti

Luciano Spalletti Napoli ballottaggio
Il tecnico del Napoli Luciano Spalletti (Getty Images)

Sosta di campionato, tempo per recuperare le forze e soprattutto gli infortunati. Spalletti potrà finalmente godersi la rosa al completo come finora non era mai riuscito a fare e perciò avrà l’imbarazzo della scelta in diversi ruoli dove c’è sempre stato qualche dualismo.

Ad esempio il ritorno di Ghoulam sarà importantissimo per dare un’ulteriore alternativa a Mario Rui e magari addirittura per riprendersi il posto, se dovesse tornare quello di un tempo. Sarà il momento delle scelte per Spalletti, che in realtà su alcuni ballottaggi importanti sembra aver già sciolto le riserve… e pure i titolari.

Pochi dubbi ormai al centro della difesa, dove in attesa del miglior Manolas – se mai lo rivedremo – il posto al fianco di Koulibaly è indiscutibilmente di Rrahmani. Non è neppure iniziata la corsa per un posto a metà campo, complici anche gli infortuni di Demme e Lobotka. Anguissa ha avuto un impatto devastante e ha dimostrato che era lui l’elemento che mancava a questo Napoli, quindi al massimo i due compagni rientreranno nelle rotazioni.

LEGGI ANCHE >>> Da riserva a intoccabile, ora Anguissa crea due ‘problemi’ a Spalletti

Napoli, dalla cintola in su: dov’è il dubbio maggiore

Matteo Politano Napoli ballottaggio
L’ala del Napoli Matteo Politano (Getty Images)

Più avanti occhio a Zielinski: sulla carta sarebbe un intoccabile, ma le prestazioni recenti fanno capire che non si è ancora integrato al meglio nel sistema di Spalletti e quindi un’eventuale esplosione di Elmas potrebbe metterlo in seria difficoltà. Da capire anche quanto il ritorno di Mertens impensierirà Osimhen, mentre la sensazione è che il ballottaggio più importante di tutti, quello fra Lozano e Politano, resterà fifty-fifty fino alla fine della stagione.

Sarà, questo, anche il momento di innalzare il livello della competitività all’interno della rosa, imprescindibile per puntare a traguardi altissimi, davvero alla portata di questo gruppo come dimostrato in questa prima porzione di campionato.