Maradona, dalle auto agli appartamenti: perché i figli vendono tutto all’asta

0
566

I figli di Maradona mettono tutto all’asta attraverso l’iniziativa “La subasta del 10”: perché saranno venduti i beni di Diego.

Diego Armando Maradona
Diego Armando Maradona (LaPresse)

E’ passato quasi un anno dalla morte di Diego Armando Maradona e dopo aver celebrato il ricordo di quello che sarebbe stato il suo 61esimo compleanno, spunta l’iniziativa che potrebbe coinvolgere i tifosi del Pibe de Oro di tutto il mondo. Dall’Argentina all’Italia, passando per Russia, Australia e Stati Uniti.

Si tratta di un’asta dei beni di Maradona che sarà organizzata da Adrian Mercado, agenzia di Buenos Aires, e il tutto avverrà in streaming. La decisione di vendere oggetti, proprietà e ricordi del calciatore del Napoli è stata presa dai figli, i quali non potranno ottenere il ricavato dell’asta e dividerselo. Infatti, fino a febbraio 2022 vige il divieto di toccare l’eredità del Diez. Ma allora qual è il motivo di cedere tutto a terzi, tifosi e collezionisti?

Leggi anche >>> “E’ stata la mano di Dio”: il film su Maradona che punta l’Oscar

Maradona: beni all’asta, ma i figli non ci guadagnano

Diego Armando Maradona e la prima pagina de La Gazzetta dello Sport
Diego Armando Maradona e la prima pagina de La Gazzetta dello Sport (LaPresse)

Diego Junior, Dalma e Giannina, Jana e Dieguito Fernando hanno deciso in comune accordo di vendere alcuni beni preziosi del papà. Ci sono oggetti di grandissimo valore economico, altro invece ha più un valore affettivo o celebrativo. All’asta spuntano anchela casa a Buenos Aires donata dal Pibe de Oro ai suoi genitori a metà degli anni ’80 con un prezzo base di 900mila dollari e un appartamento a Mar del Plata con base fissata a 65mila dollari.

Inoltre, ci sono anche tre veicoli: un minivan Hyunday H1 del 2018, un BMW M4 del 2019 con la firma di Diego sul parabrezza e un altra BMW, la lussuosa 750I. Ma oltre a questi beni dal costo notevole e decisamente preziosi, saranno messi all’asta anche oggetti di uso quotidiano che Maradona utilizzava a Dubai, indumenti sportivi, televisori e persino alcune cose da lui firmate. Insomma, c’è di tutto per collezionisti e tifosi di D10S.

Il motivo per cui gli eredi di Maradona hanno deciso di ricorrere all’asta è per per pagare esclusivamente debiti e spese. Infatti, il ricavato dell’evento online non andrà ai cinque figli, ma sarà girato per cancellare gli obblighi economici lasciati dall’argentino.