Spalletti lo esalta in conferenza: “E’ una belva, non gli manca niente”

0
449

Luciano Spalletti interviene in conferenza prima di Legia Varsavia-Napoli, gara decisiva per il girone C di Europa League.

Juan Jesus Napoli Legia Varsavia
La prima di Juan Jesus (Getty Images)

Archiviare per qualche ora il campionato e concentrarsi sull’Europa League, dove il Napoli deve ancora conquistarsi la qualificazione al turno successivo. Questo è l’imperativo in vista della delicata trasferta di Varsavia contro il Legia valida per la quarta giornata del Gruppo C.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> I convocati di Legia Varsavia-Napoli 

I complimenti di Spalletti in conferenza

Una gara che il Napoli affronterà peraltro con alcune pesanti assenze come quelle di Fabian Ruiz, Insigne, Osimhen infortunati oltre allo squalificato Mario Rui. Spalletti però si fida degli uomini a sua disposizione tra cui Juan Jesus, chiamato agli straordinari a causa della squalifica di Koulibaly nel prossimo turno di campionato contro il Verona e il perdurare dell’assenza di Manolas: “E’ un giocatore muscolare, fisico, resistentissimo. Per cui mi aspetto che possa andare a mettere a posto questa difficoltà momentanea per il ruolo del centrale. Il ragazzo dal punto di vista fisico è davvero una belva, diventa difficile trovargli un difetto”.

Petagna o Mertens: la scelta è fatta

In attacco invece toccherà a Petagna, subentrato bene a gara in corso nel derby contro la Salernitana e chiamato a rimpiazzare Mertens, autore di una prova tutt’altro che esaltante domenica scorsa come ammesso da Spalletti: “Mertens ha giocato una partita sotto il suo livello, quindi magari viene più da evidenziare questa cosa. Poi dipende sempre da ciò che si riesce a fare uin partita. Mertens riesce a riempirla quella zona lì”.

Dries Mertens Osimhen ko
L’attaccante del Napoli Dries Mertens (Getty Images)

Il tecnico però non vuole sentire parlare di turnover: “Non abbiamo una squadra che si è indebolita. Abbiamo una rosa che ci permette di poter sostituire qualche calciatore che ha giocato più spesso. Siamo venuti qui per vincere la partita. L’Europa League è una competizione a cui teniamo”.