Napoli, quanta sfortuna: secondo nella speciale classifica

0
336

In casa Napoli quanta sfortuna: la squadra azzurra è seconda nella speciale classifica in questa Serie A

Napoli in campo
La squadra del Napoli scende in campo (LaPresse)

Una sconfitta che brucia quella patita ieri dal Napoli contro l’Empoli, al termine di una gara davvero sfortunata. Un “gollonzo” incassato, una miriade di tiri in porta senza centrare il bersaglio grosso, andando a sbattere spesso e volentieri contro un Vicario in giornata di grazia e decisivo in più di un’occasione.

Una domenica nera, ancora una volta, perché la seconda sconfitta consecutiva casalinga non può non allarmare. Ed anche stavolta non è mancato il dazio pagato in tema di infortunati; Zielinski ha abbandonato il campo per problemi respiratori dopo pochi minuti di gioco e l’emergenza si è acuita ancor di più con Spalletti costretto a chiamare alle armi Insigne, appena recuperato e non in forma. Una situazione davvero al limite che ha provocato un nuovo stop, sicuramente inatteso, contro una neopromossa ma in grado di esporre un buon calcio, gradevole ed apprezzabile.

LEGGI ANCHE >>> Osimhen in Coppa d’Africa? Il ct della Nigeria spiazza il Napoli

Napoli, quanti legni colpiti: il numero è impressionante

Petagna sbuffa
Andrea Petagna. bomber del Napoli (LaPresse)

La sfortuna, dicevamo, si è accanita sugli azzurri. Infortuni a parte, ieri Mertens e compagni sono rimasti a bocca asciutta; non sono riusciti a realizzare neppure un gol, eppure le occasioni da rete le hanno create eccome.

Come riportano i dati della Lega di Serie A, sono ben 30 i tiri totali degli azzurri, sei in porta ed altrettante parate decisive da parte di Vicario. Numeri eloquenti ed a questi vanno aggiunti i due legni colpiti, una traversa di Elmas ed il palo centrato da Petagna.

Altri due legni che vanno ad aggiungersi a quelli già colpiti in questa prima parte di campionato. Ed il dato è eloquente; sono ben 8 quelli centrati dai partenopei che pongono il Napoli in seconda posizione nella speciale classifica, dietro solo al Bologna.

Un difetto di mira che sta costando caro alla squadra azzurra e su cui Spalletti dovrà lavorare in questi giorni, perché domenica sarà tempo di sfidare il Milan.