Il Napoli si rilancia in classifica: le pagelle degli azzurri in Milan-Napoli

0
840

Il Napoli trionfa a San Siro, riagganciando a quota 39 il Milan e scavalcandolo per differenza reti e scontri diretti. Decisiva la rete al 5′ del diamante Elmas, abile ad anticipare gli avversari in area e bucare Maignan di testa.

Zielinski esulta abbracciando Elmas
Zielinski abbraccia Elmas dopo il goal (LaPresse)

Vittoria di cortomuso dei partenopei a Milano, abili ad imporsi fin dal primo minuto con grandi ritmi: arriva in soli 5′ il goal del vantaggio, seguito qualche minuto più tardi da una mischia confusa in area, che il Napoli tuttavia non sfrutta. Cresce il Milan nel corso del primo tempo, Ibra e Florenzi fanno tremare Ospina senza tuttavia trovare il goal.

Nei primi minuti della ripresa il Patron respinge una violenta conclusione di Ibra, risponde Lozano che innesca in profondità Petagna, che si fa clamorosamente recuperare da Tomori solo davanti a Maignan. I padroni di casa trovano il pari allo scadere, ma il goal di Kessié viene annullato in seguito ad una VAR review destinata a far discutere.

Leggi anche >>> La verità di Giuntoli su Manolas

Le pagelle degli azzurri in Milan-Napoli, una vittoria fondamentale:

Ospina, 6.5: Al netto di qualche errore rappresenta una grande certezza del Napoli di Spalletti. Decisivo il riflesso sulla botta di Zlatan, meno incisivo invece qualche sua svista in fase di impostazione.

Malcuit, 7: Con grande sorpresa sta convincendo a suon di ottime prestazioni. Domina la sua fascia con qualità e velocità, e scambia sempre bene con Lozano posizione e pallone. Una nuova aggiunta del Napoli di Spalletti?

Rrahmani, 7.5: Anche oggi dimostra una personalità non indifferente, comandando con sicurezza la difesa in un San Siro scatenato. Non teme il confronto fisico con Zlatan e sbroglia diverse situazioni pericolose, salvando letteralmente la porta proprio sul centravanti rossonero.

Jesus, 7.5: Grande partner di Amir ed autore di una prestazione sensazionale. Tanti anticipi e letture intelligenti lo rendono uno dei migliori calciatori in campo. Non perde la compostezza anche nei minuti di maggiore intensità avversaria.

Di Lorenzo, 6+: “Sacrificato” sulla fascia sinistra in assenza di Mario Rui, non può far esplodere l’usuale dinamismo in fase offensiva. Interessante in ogni caso il continuo scontro con Florenzi, più a suo agio dell’azzurro tuttavia mai dominante nell’1vs1.

Demme, 5.5: Uno delle poche notizie negative in questa grandissima vittoria. Il Napoli ha bisogno del miglior Diego, che al suo arrivo aveva trascinato fuori dal baratro la squadra, mentre ora trascorre più tempo a commettere falli che ad impostare.

Anguissa, 5.5: Non ancora al 100% e si vede, regala un pericolosissimo pallone nel finale e perde la maggior parte dei duelli. Avrà bisogno di giocare per ritrovare la migliore forma fisica.

Lozano, 7=: Partita molto positiva ed in costante crescendo. Svolge con abnegazione il compito assegnatogli da Spalletti, contenendo le discese degli avversari in aiuto a Malcuit. Regala un vero cioccolatino a Petagna per chiudere il match, il compagno tuttavia non sfrutta l’occasione.

Zielinski, 7.5: Incalcolabile il lavoro di sacrificio del polacco, che si carica sulle spalle per lunghi tratti di gioco la squadra. Fulcro del palleggio azzurro ed autore dell’assist dell’1-0, tranquillizza chiunque fosse preoccupato per la sua condizione fisica, parsa addirittura migliore delle precedenti uscite!

Elmas, 7: Un primo tempo davvero ottimo del giovane macedone, che prima porta in vantaggio con un grande anticipo la squadra (a segno per l’ottava volta in stagione) e poi si muove bene tra le linee, muovendo con qualità il pallone. Cala nel secondo tempo, regalando tre punti preziosissimi alla squadra.

Petagna, 6: Il voto vuole premiare il grande impegno del bulldozer nel lottare su ogni pallone, fallisce tuttavia un’occasione davvero ghiotta per chiudere i conti.

Sostituzioni

Lobotka, 6.5: La padronanza e la sicurezza con cui ha gestito tutti i palloni che ha toccato è incredibile. La sua abilità nell’eludere il pressing avversario ha permesso al Napoli di gestire con più qualità la prima costruzione.

Politano, 5.5

Ounas, 5.5

Mertens, SV

Ghoulam, SV