La critica a De Laurentiis: “Non dà a Spalletti tutto quello che gli serve”

0
837

Napoli fuori dall’Europa League, De Laurentiis deve registrare una critica eccellente: “Per Spalletti non sarà facile convivere con lui”.

Walter Sabatini De Laurentiis Spalletti
Walter Sabatini, ds della Salernitana (LaPresse)

Il Napoli si congeda nel modo peggiore dal palcoscenico continentale, con un 2-4 che evidenzia i meriti del Barcellona e, soprattutto, marca ancor più distintamente le fragilità di una squadra non ancora pronta al grande salto in Europa. La delusione dei tifosi per l’ennesima chance di crescita sprecata è tangibile, tanto che nemmeno l’orgoglio mostrato nel finale del match del ‘Maradona’ è in grado di alleviare il sentimento negativo di frustrazione per non aver approfittato della particolare condizione di un avversario storicamente fortissimo, oggi però in evidente fase di ricostruzione.

L’addio all’Europa League permetterà, quantomeno, di spostare tutta la concentrazione sul campionato e su un sogno chiamato Scudetto, inseguito da Aurelio De Laurentiis fin da quando, nel 2004, prese le redini di una società sull’orlo del baratro. Qualcosa da ridire sull’apporto offerto dal presidente a Luciano Spalletti in sede di mercato lo ha un esperto del settore, quel Walter Sabatini ora ds della Salernitana e legato da un sincero rapporto d’amicizia col tecnico di Certaldo. Nell’intervista concessa al ‘Corriere dello Sport’, Sabatini non ha esitato a ‘bacchettare’ il patron partenopeo: “Spalletti sta facendo bene? È sotto gli occhi di tutti. Nonostante un presidente che non gli concede tutto quello che gli serve. La convivenza con De Laurentiis non deve essere semplicissima.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli al primo posto: la speciale classifica che premia gli azzurri

Sabatini: “Le mie discussioni con Spalletti toccavano la follia”

Luciano Spalletti De Laurentiis
Luciano Spalletti, allenatore del Napoli (LaPresse)

Oltre alla ‘stoccata’ inferta a De Laurentiis, Sabatini ha riesumato il carattere spesso grottesco delle conversazioni avute con l’allenatore toscano durante l’esperienza condivisa alla Roma: “M’è successo di parlare molto con Spalletti, ma lì il livello delle nostre discussioni era sempre confinante con la follia. Due personalità forti e accattivanti a confronto, il mix perfetto a cui affidarsi per costruire basi solide. Anche dal nulla.