De Laurentiis, il retroscena sullo Stadio: “Erano pronti”

0
305

Il presidente Aurelio De Laurentiis, a margine dell’evento per celebrare i 130 anni del Mattino, ha svelato un retroscena sullo Stadio.

Il Napoli ha chiuso il campionato al terzo posto in classifica, raggiungendo la qualificazione in Champions League dopo due anni. Per la prossima stagione si prospettano tanti cambiamenti tra le fila della squadra di Luciano Spalletti sia in entrata che in uscita. De Laurentiis si sta muovendo molto sul mercato, visto gli arrivi del georgiano Kvaratskhelia e di Mathias Olivera

De Laurentiis arrabbiato
Aurelio De Laurentiis (Ansa Foto)

Proprio il patron partenopeo ha rilasciato alcune dichiarazioni in giornata durante la manifestazione tenuta a Palazzo Reale per celebrare i 130 anni del quotidiano del ‘Mattino’: “I signori che gestiscono il calcio italiano non hanno mai gestito un club. Non possono neanche immaginare cosa si affronta. Gravina ci ha tentato con il Castel di Sangro ed ha fallito. La Uefa condiziona molto il movimento di questo sport in Europa. I politici italiani in questi anni hanno combinato solo guai, mentre la Vezzali ci sta dando una mano”.

De Laurentiis ha poi continuato: “Il calcio inglese è bello e vincente perché ha fatto fuori gli hooligans da stadio e pub. In Inghilterra se ti alzi in piedi ti buttano fuori dallo stadio dopo due richiami. Mentre da noi accadono cose come quelle di La Spezia. Ho fatto una fatica pazzesca a daspare a vita a chi ha commesso un reato grave”. Il presidente ha poi svelato un retroscena sullo stadio Maradona.

Napoli, De Laurentiis: “Erano pronti 70 milioni di euro per lo Stadio, ma De Magistris non prese in considerazione il mio progetto”

De Laurentiis con Iervolino
De Laurentiis con Iervolino (Ansa Foto)

Il massimo dirigente del Napoli, infatti, ha reso noto un suo progetto del passato per l’impianto di Fuorigrotta: “Feci un progetto da 40mila posti con il medesimo architetto che fece lo Juventus Stadium ed erano pronti circa 70 milioni di euro, ma De Magistris non lo prese neanche in considerazione. Lui voleva uno stadio da 55mila spettatori, nonostante le mie indagini che avevano dimostrato una media di 33mila spettatori negli ultimi anni. Servono 100 milioni di euro per Maradona, li investo ma solo se il Governo fa le scelte giuste”.

De Laurentiis ha poi terminato il suo intervento: “Gravina non ha fatto nulla di buono in questi anni per il calcio, quindi non possiamo aspettarci altro da lui. I ragazzini dagli 8 ai 17 anni si stanno allontanando dal calcio. Le gare sono pallose. Ceferin ed Infantino devono fare alcune indagini per capire. Bisogna cambiare le regole del calcio”.