Koulibaly, il Napoli “apre” alla Juventus: ADL avrà un occhio di riguardo

0
244

La Juventus non molla Koulibaly per il dopo Chiellini, ma per portarlo a Torino De Laurentiis gli ha riservato un “trattamento speciale”

“Ad oggi non so nulla ma vorrei conoscere presto il mio futuro”. Così parlava un Koulibaly lapidario dal ritiro della sua Nazionale, lasciando intendere che la situazione relativa alla maglia che indosserà la prossima stagione è ancora in alto mare.

koulibaly
Kalidou Koulibaly (Foto LaPresse)

L’offerta del Napoli c’è e difficilmente si andrà oltre le cifre che circolano, ovvero 4 milioni l’anno più bonus contro i 6 netti che il difensore senegalese guadagna adesso. Sarebbe una spalmatura dell’attuale contratto in scadenza nel 2023, una firma che sancirebbe con tutta probabilità un legame a vita con la maglia azzurra. Un’offerta al ribasso che andrebbe comunque oltre i parametri della politica del taglio dei costi imposto da De Laurentiis, Dall’altra parte però ci sono le sirene estere, con il Barcellona in pole position per acquistarlo con ingaggio sicuramente maggiorato. I catalani però al momento hanno il mercato bloccato e devono prima cedere per rientrare nei parametri economici imposti dalla Liga. Nelle ultime ore si è parlato anche del Chelsea, alla ricerca di un sostituto per Rudiger, trasferitosi al Real Madrid.

La Juventus ci riprova per Koulibaly: la richiesta di De Laurentiis è altissima

koulibaly
Kalidou Koulibaly (Foto LaPresse)

In questa situazione sta provando ad insinuarsi la Juventus, che stravede per Koulibaly da sempre e vorrebbe convincere il Napoli con un’offerta importante. Secondo le ultime indiscrezioni, il presidente De Laurentiis accetterà solo offerte a partire da 70 mln in poi da parte del club bianconero, quasi il doppio rispetto ai 40 milioni richiesti. Un “occhio di riguardo” riservato all’acerrima rivale per cedere il prezzo pregiato della casa. Difficile, molto difficile, che il club torinese arrivi a sborsare certe cifre per il senegalese.

Sul tavolo quindi le ipotesi più accreditate sono tre. Cessione questa estate, rinnovo al ribasso o la soluzione “alla Insigne“, con un anno in scadenza di contratto e poi l’addio a parametro zero il prossimo giugno. Stesso destino potrebbe toccare a Fabian Ruiz: il club non ha trovato l’accordo economico per il rinnovo di contratto, e all’orizzonte non sembrano esserci offerte che soddisfino le richieste del club.