Petagna-Monza, decisivo Berlusconi: la rivelazione dell’attaccante

0
416

Andrea Petagna ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport dove ha anche parlato del suo addio al Napoli.

Dopo due anni le strade di Petagna e del Napoli, forse in maniera definitiva, si sono divise. L’ex attaccante di Atalanta e Spal è passato in prestito con diritto di riscatto al Monza in questa sessione di mercato. Diritto che diventerebbe obbligo qualora il club brianzolo riuscisse ad ottenere la salvezza, con gli azzurri che incasserebbero circa 10 milioni di euro.

Andrea Petagna
L’attaccante del Monza Andrea Petagna (LaPresse)

Nonostante sia partito quasi sempre dalla panchina, l’esperienza azzurra di Petagna non è stata negativa. L’attaccante classe 1995, nel suo piccolo, ha dato il suo contibuto non solo con le prestazioni, ma anche segnando alcune reti che si sono rivelate importanti come ad esempio quella che contro il Venezia lo scorso anno. Petagna ha fatto bene in azzurro ed il suo addio sarebbe anche potuto non esserci, con lo stesso giocatore che lo ha rivelato al Corriere dello Sport.

La rivelazione di Petagna: “Il Napoli voleva tenermi”

Petagna Monza
Andrea Petagna (LaPresse)

Il Napoli non voleva cedere Andrea Petagna in questa sessione di mercato. L’ex attaccante di Atalanta e Spal, nel corso dell’intervista concessa al Corriere dello Sport, ha dichiarato come la società azzurra non volesse cederlo e che la chiamata di Silvio Berlusconi è stata decisiva per il suo trasferimento: “Se non mi avessero cercato Berlusconi e Galliani, sarei rimasto perché De Laurentiis, Giuntoli e Spalletti volevano che restassi” – ha rivelato l’attaccante classe 1995 – “Quando ti chiamano Berlusconi e Galliani, non si può dire di no”.

Petagna ha anche parlato della sua esperienza in azzurro ed ha affermato come il rammarico più grande sia quello di non aver vinto lo scudetto. L’attaccante biancorosso ha dichiarato come il Napoli avesse un allenatore bravissimo ed una rosa abbastanza forte per vincere il titolo lo scorso anno e che perdere il titolo è stata una brutta botta.

Adesso, però, Petagna punta a fare bene con il Monza che non è partito benissimo in questo campionato con 3 sconfitte in altrettante partite, subendo anche una sconfitta per 4-0 proprio contro il Napoli. L’ex centravanti azzurro ha però dichiarato come nel girone di ritorno, quando i punti peseranno, sarà difficile fare risultato a Monza: “Sono convinto per esempio che al ritorno qua a Monza il Napoli faticherà molto di più per batterci” ha affermato con determinazione, facendo capire che il campionato è ancora molto lungo e che il Monza non va dato già per morto.

A livello fisico, Petagna ha ammesso di non essere al top e che ha bisogno di qualche allenamento in più per ritrovare la forma. L’attaccante ha spiegato come ciò sia dovuto al fatto di non aver avuto continuità di impiego negli ultimi due anni ed il suo fisico ha perso il ritmo gara. Ciò, secondo Petagna, spiegherebbe la sua partenza a rilento con il Monza, con il quale ancora non ha segnato un gol nonostante sia partito titolare in tutte e tre le prime giornate.