Napoli, contro i Rangers per sfatare un tabù: non accade dai tempi di Sarri

0
256

Contro i Rangers, il Napoli cercherà di sfatare un tabù che dura dal 2016, quando sulla panchina azzurra c’era Maurizio Sarri.

Questa sera alle ore 21 il Napoli sarà di scena ad Ibrox per affrontare i Rangers nella seconda partita della fase a gironi della Champions League. Dopo il primo successo contro il Liverpool, gli azzurri vogliono concedersi il bis, ma non sarà facile avere ragione della squadra scozzese che vorrà riscattare il pesante 4-0 subito nella prima gara contro l’Ajax.

Napoli Liverpool
Il Napoli esulta dopo la vittoria contro il Liverpool (LaPresse)

La vittoria del Liverpool sull’Ajax dà al Napoli l’opportunità di volare da solo in testa al proprio girone, con gli azzurri che sanno quanto potrebbero pesare i tre punti stasera. Contro gli scozzesi, inoltre, il Napoli cercherà anche di sfatare un tabù che perdura ormai dal 2016, quando sulla panchina azzurra era seduto Maurizio Sarri.

Tabù Champions per il Napoli: due vittorie di fila mancano dal 2016

Il Napoli esulta dopo un gol contro il Benfica nella stagione 2016/2017 (LaPresse)

Quello di stasera sarà un bel banco di prova per il Napoli non solo perché i Rangers sono una squadra più che discreta, ma anche perché gli azzurri dovranno dimostrare di essere cresicuti dal punto di vista mentale. Come affermato da Anguissa nella conferenza stampa di ieri, il Napoli deve dimenticare subito la bella vittoria contro il Liverpool e concentrarsi su questa partita, senza sottovalutare l’avversario.

Contro i Rangers, il Napoli andrà a caccia della seconda vittoria consecutiva in Champions League, con gli azzurri che cercheranno di sfatare quello che è diventato un vero e proprio tabù. La formazione partenopea, infatti, non vince due partite di Champions League di fila dal 2016, quando ad allenarla c’era Maurizio Sarri, oggi alla Lazio, battendo la Dinamo Kiev prima e il Benfica poi.

Da allora, il Napoli non è più riuscito a ripetersi in Champions League e stasera ha dunque l’opportunità di sfatare questo tabù europeo. Inoltre, battendo i Rangers, il Napoli si ritroverebbe da solo in testa alla classifica e, secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, anche ciò non si verifica dai tempi di Sarri.

Il Napoli ha due validissimi motivi in più per vincere la partita di stasera, oltre al fatto che i tre punti avvicinerebbero la qualificazioni agli ottavi e permetterebbero di affrontare il doppio confronto con l’Ajax con maggior ottimismo.

Rangers-Napoli, De Laurentiis non ci sarà: presente il figlio Edoardo

Il Napoli è arrivato a Glasgow nella giornata di ieri, ma al suo seguito non c’era Aurelio De Laurentiis. Il presidente degli azzurri, infatti, non sarà presente ad Ibrox per la partita di questa sera e non ha neppure preso parte al consueto pranzo UEFA tra le due dirigenze. A fare le veci del patron romano ci ha pensato, come sempre, il figlio e vicepresidente Edoardo De Laurentiis. Oltre a De Laurentiis Jr., presenti l’addetto stampa Guido Baldari ed il ds Cristiano Giuntoli.

Il vicepresidente azzurro ha partecipato al posto del patron romano al pranzo UEFA e, come documentato dallo stesso Napoli attraverso il suo profilo Twitter, c’è stato anche uno scambio di omaggi tra le due società. Un bel momento prima di dare il via alle ostilità sul rettangolo di gioco.