Meret, un dettaglio sul nuovo contratto può cambiare tutto

Il portiere del Napoli Alex Meret è pronto al rinnovo, ma c’è un dettaglio significativo che potrebbe cambiare molte cose: riguarda la durata

Il posto da titolare è conquistato: i dubbi e le incertezze sono state spazzate via. Alex Meret si è ripreso il Napoli, e finalmente si può parlare di rinnovo. Lo ha fatto il ds Cristiano Giuntoli per tutta l’estate, parlando di un accordo già sancito e soltanto da mettere nero su bianco. In realtà sono trascorsi prima le settimane, e poi i mesi, ma l’annuncio non è arrivato. Al di là delle parole di stima del ds, il Napoli cercava un altro portiere e Meret non aveva intenzione di firmare fin quando le cose non sarebbero state chiarite. Mai una parola fuori posto, ha atteso con pazienza.

meret
Meret, un dettaglio sul nuovo contratto può cambiare tutto (LaPresse)

Una volta appurato che il terzo portiere non è arrivato (la trattativa con Navas non era certo un segreto) ha ripreso la retta via col posto da titolare, fiducia ritrovata e una serie di prestazioni di grande livello. I tempi sono quindi maturi, visto che il portiere è in scadenza a giugno 2023 e anche lui ha interesse a rinnovare. Mancava un dettaglio, vale a dire il rientro dalle vacanze settembrine del suo procuratore, Pastorello. Una volta tornato, le trattative sono ripartite celermente: giovedì l’agente è stato visto a Castel Volturno, dove avrebbe definito l’intesa per il tanto atteso rinnovo. Un prolungamento con stipendio aumentato da 1 a 1.5 milioni a stagione.

Meret, spunta una strana clausola nel nuovo contratto

Cambia un dettaglio, però: secondo Il Corriere dello Sport, Meret non firmerebbe un contratto di cinque anni, ma uno di due anni con un’opzione per prolungare di altri tre. Di fatto, sarebbe un accordo biennale con opzione per altri due anni. Si può parlare di rinnovo di cinque anni solo con la premessa dell’opzione: questa dipenderebbe da cosa farà il Napoli. Se il club azzurro dovesse scegliere un altro portiere Meret sarebbe in grado di svincolarsi dopo due anni, altrimenti l’intesa sarebbe già impostata per prolungare ancora.

giuntoli 27092022 napolicalciolive (1)
Cristiano Giuntoli (LaPresse)

La richiesta sarebbe arrivata direttamente dal giocatore, evidentemente non sicuro di quali possano essere i piani futuri della società. Oggi i tempi sono cambiati, e l’interesse dei calciatori è di non legarsi troppi anni con una squadra. Il costo dei cartellini è salito, e molti club ormai non sono disposti a spendere cifre elevate per acquisire i giocatori. Molto più facile l’ingaggio a parametro zero. Da qui una politica più prudente quando si tratta di sottoscrivere nuovi contratti. E a questo punto si aspetta davvero solo la firma.