Napoli-Torino, il piano di Juric per fermare Kvaratskhelia

Il tecnico del Torino Ivan Juric ha intenzione di fermare Kvaratskhelia con ogni mezzo ed ha elaborato un piano per riuscirci.

Oggi alle ore 15 il Napoli ospiterà al Maradona il Torino nell’anticipo pomeridiano del sabato che apre l’ottava giornata di Serie A. Gli azzurri vogliono ripartire subito con una vittoria per restare al comando della classifica, ma i granata sono un avversario scomodo da affrontare, senza contare che la prima partita dopo la sosta per le nazionali è sempre complicata.

Ivan Juric
L’allenatore del Torino Ivan Juric (ANSA)

Inoltre, affrontare le squadre allenate da Ivan Juric non è mai facile ed il Napoli lo sa bene visto che due anni fa il tecnico croato riuscì a strappare un punto al Maradona (la partita finì 1-1 ndr.) con il Verona che di fatto non permise al Napoli di ottenere la qualificazione in Champions League. L’allenatore granata è un abile stratega e non c’è dubbio che abbia studiato bene anche questo nuovo dilagante Napoli, con il tecnico croato cosciente che uno dei maggiori pericoli è rappresentato da Kvicha Kvaratskhelia. Per questo motivo, Juric ha ideato un piano ad hoc per fermare il georgiano.

Juric teme Kvaratskhelia: pronta una marcatura a tre sul georgiano

Kvicha Kvaratskhelia
L’esterno d’attacco del Napoli Kvicha Kvaratskhelia (ANSA)

Kvicha Kvaratskhelia è stato senza dubbio uno dei giocatori che più si sono messi in mostra in questo inizio di stagione. L’esterno d’attacco georgiano è stato il miglior colpo di mercato del Napoli in quest’estate e l’ex Dinamo Batumi sta ripagando la fiducia degli azzurri con prestazioni maiuscole, confermando le grandi qualità che aveva già mostrato in patria e con la sua nazionale.

Non sorprende dunque che Juric tema molto Kvaratskhelia in vista della partita di oggi ed ecco perché, secondo La Gazzetta dello Sport, il tecnico croato ha pronto un piano per fermare l’esterno d’attacco georgiano. Secondo la Rosea, Juric ha preparato una super marcatura di ben 3 uomini su Kvaratskhelia, con Djidji, Lukic e Singo che dovranno sacrificarsi a turno per andare a coprire sugli esterni.

Già lo scorso anno Juric fece giocare una grande partita al Torino, con il match che fu deciso solo da uno spunto di Osimhen ed anche stavolta il tecnico croato è pronto a mettere i bastoni tra le ruote a Spalletti. Per portare via un risultato positivo da Napoli, servirà un Toro perfetto ed è quello che si aspetta Juric, con l’allenatore granata che vuole essere il primo a battere gli azzurri in questa stagione.

Napoli-Torino: le ultime sulle formazioni

Per quanto riguarda le formazioni che scenderanno in campo tra poche ore, come annunciato dallo stesso Spalletti non ci dovrebbero essere molti cambi rispetto al solito undici. L’unico dubbio riguarda l’attacco dove al momento Simeone è favorito su Raspadori, con i due che però resteranno in ballottaggio fino a quando non saranno annunciate le formazioni titolari. Il tecnico toscano dovrà valutare anche le condizioni di Rrahamni, con il difensore kosovaro non ancora al top e con Ostigard pronto a prendere il suo posto qualora non ce la facesse.

Decisamente più novità potrebbero esserci nell’undici granata, con Juric che ha fatto capire di voler puntare su Miranchuk per permettere a Sanabria di esprimersi meglio in attacco. In conferenza stampa, l’allenatore croato ha spesso belle parole per il russo, affermando come alzi il livello tecnico della squadra, candidandolo di fatto ad una maglia da titolare. A centrocampo, invece, Lazaro è in vantaggio su Aina per sostituire l’infortunato Vojvoda sulla sinistra, mentre in difesa Buongiorno è favorito su Schuurs.