Insigne, che batosta: questa è veramente dura da digerire

Dopo aver lasciato il Napoli, era arrivato a Toronto con l’obiettivo di portarlo in cima alla MLS. Ma le cose non sono andate secondo i piani.

Mentre il Napoli vince e convince tra Serie A e Champions League, un ex capitano azzurro non se la passa bene in quel di Toronto. Infatti, i canadesi sono fuori dai giochi dei playoff della Major League Soccer dopo la sconfitta in trasferta ad Orlando nonostante la presenza in campo di Lorenzo Insigne, Domenico Criscito e Federico Bernardeschi, i tre italiani arrivati in Canada proprio con lo scopo di riportare il Toronto a competere con i grandi club statunitensi.

Lorenzo Insigne (LaPresse)
Lorenzo Insigne segna il primo gol in MLS: l’esultanza è speciale (LaPresse)

Invece, complice anche il dolore causato dalla perdita di un figlio, Insigne non è riuscito a guidare i suoi verso un obiettivo che sembrava sulla carta facile. Non è bastato nemmeno l’estro dell’ex Juventus Federico Bernardeschi, che ha contribuito con grandi giocate, ma che in fondo non si è dimostrato determinante nella gara più importante contro l’Orlando City (persa 4 a 0).

Il tecnico dei canadesi Bradley ha ancora tanto lavoro da fare e spera che la proprietà gli dia qualche buon innesto perché, oggettivamente parlando, il Toronto ha molte carenze in difesa e a centrocampo. Certamente i tre italiani non possono da soli reggere una intera squadra e portarla in cima.

Playoff MLS: delusione Insigne, esulta l’Inter Miami di Higuain

Higuain esulta
Gonzalo Higuain (LaPresse)

Se da un lato Insigne è uscito con le ossa rotta dalla gara decisiva del suo Toronto, dall’altra un altro ex Napoli si gode i risultati dell’Inter Miami. Stiamo parlando ovviamente di Gonzalo Higuain che, messe da parte le lacrime per il suo imminente ritiro a partire dal prossimo gennaio, trascina il club di David Beckham ai playoff. La squadra della Florida è riuscita a procedere nel suo percorso nonostante la sconfitta del Drive Pink Stadium di Fort Lauderdale: contro il Montreal Impact infatti il Miami ha perso 3-1, con l’unica rete arrivata solo all’85’.

Ma tale sconfitta pesa relativamente poco perché Higuain e compagni avevano già assicurata la qualificazione da un bel pezzo. Ora hanno la testa già per la prossima sfida contro il New York City, la squadra che negli Stati Uniti mostra il più bel calcio in assoluto. Tutto passerà per il talento del Pipita che vuole dire addio al calcio nel miglior modo possibile: vincendo nella Grande Mela.