Napoli come il Bayern, uniche in Europa: la statistica non lascia dubbi

Il nuovo Napoli è da record. Gli azzurri come il Bayern Monaco: il dato è eclatante e fa ben sperare i tifosi. 

L’inizio di stagione del Napoli ha sorpreso davvero tutti. Che gli azzurri potessero essere ai vertici del campionato italiano anche quest’anno era facilmente prevedibile, vista la continuità che gli azzurri hanno mostrato negli ultimi anni. Che riuscissero a farlo anche dopo una vera rivoluzione estiva, con una rosa totalmente diversa da quella che negli ultimi anni ha mantenuto il Napoli ad altissimi livelli sfiorando a più ripresa traguardi importanti era invece tutt’altro che scontato. Gli azzurri, invece, hanno superato ogni aspettativa. A nove giornate dall’inizio del campionato si trovano al primo posto della classifica della Serie A, con 23 punti. Un bottino praticamente perfetto. In Europa, il bilancio è se possibile ancora più positivo, con tre vittoria rotonde e nettissime contro tre avversari di prestigio come Liverpool. Rangers e Ajax.

luciano spalletti 10102022 napolicalciolive
Luciano Spalletti (LaPresse)

Vittorie nette. Proprio questa è forse che fa ben sperare il popolo azzurro. Il Napoli ha per larghissima parte dominato i suoi incontri, che spesso sono terminati anche con larghe vittorie. Basti pensare al 4 a 1 rifilato alla Cremonese. Proprio la gara di domenica racconta bene il momento del Napoli.

Gli azzurri hanno dimostrato maturità, evitato cali di tensione o sedute sugli allori dopo l’impresa contro l’Ajax, e sbrigato la pratica senza scomporsi ai momenti di difficoltà della squadra. Quello azzurro è un gruppo forte e coeso, e c’è un dato davvero eclatante che fa capire in modo inequivocabile quanto tutti i giocatori siano coinvolti nel progetto azzurro.

Napoli da record, il primato condiviso con il Bayern è il simbolo del successo azzurro

napoli 10102022 napolicalciolive
I numeri offensivi del Napoli sono da recrd (LaPresse)

Con 22 gol fatti, il Napoli è in cima alla lista del campionato di Serie A anche per per quanto riguarda le reti segnate. Non parliamo, poi, della Champions League, dove in tre partite gli azzurri sono stati in grado di segnare ben 13 reti. L’attacco azzurro, insomma, è una vera macchina da guerra. Un dato davvero straordinario, soprattutto se si pensa che ormai da oltre un mese il Napoli stia facendo a meno del suo bomber Victor Osimhen. Il Napoli, però, è ben più di un uomo.

Lo dimostra il fatto che quei gol siano stati segnati da ben 14 giocatori diversi. Nessuno in Italia ha mostrato una simile versatilità. E in Europa solo il Bayern Monaco è riuscito ad andare in gol con altrettanti giocatori. Tutti, insomma, danno il loro contributo, che si tratti di difendere o, appunto, di timbrare il cartellino.

Non a caso dei 4 gol segnati contro la Cremonese, ben 3 sono stati siglati da giocatori subentrati dalla panchina. Segno di una rosa completa, ricca di soluzioni e completamente coinvolta e inserita nelle idee e nel progetto del tecnico. Proprio questa è la forza del Napoli, che partita dopo partita continua a sognare.