Napoli, Kim Min-Jae come Koulibaly: lo perderemo per un mese a gennaio

Il Napoli perderà per un mese a gennaio Kim Min-Jae in quello che sarà per gli azzurri un remake asiatico del caso Koulibaly

In questo inizio di stagione, il Napoli sta lasciando davvero le briciole agli avversari. Gli azzurri stanno segnando tanto con una regolarità disarmante e comandano la classifica sia di Serie A che del proprio gruppo di Champions League, dove è anche arrivata la qualificazione matematica agli ottavi di finale con due turni di anticipo dopo il successo per 4-2 contro l’Ajax.

Kim Min-Jae
Il difensore del Napoli Kim Min-Jae (LaPresse)

Nessuno si aspettava un Napoli così straripante in questo avvio di stagione, merito anche di una società che pur perdendo giocatori importanti, li ha saputi sostituire in maniera degna. Tra i giocatori che più si sono messi in mostra in questi primi 2 mesi di stagione c’è Kim Min-Jae, con il difensore sudcoreano che non sta facendo rimpiangere Kouibaly. Ma è in arrivo una brutta notizia al riguardo per il Napoli ed i suoi tifosi, con gli azzurri che perderanno Kim Min-Jae per un mese a gennaio in che quello che si può definire un remake asiatico del caso Kouiibaly.

Coppa d’Asia in Qatar: la scelta scontenta il Napoli e Kim Min-Jae

Kim Min-Jae Napoli
Kim Min-Jae (LaPresse)

Lunedì 17 ottobre l’Asian Football Confederation (AFC) annuncerà il paese che ospiterà la prossima Coppa d’Asia, il corrispettivo asiatico degli Europei e competizione asiatica più importante per le nazionali. Tuttavia, secondo quanto riportato dai media degli Emirati Arabi Uniti, è certo che ad ospitare la manifestazione sportiva sarà il Qatar che dopo i Mondiali metterebbe a segno un altro bel colpo che confermerebbe il suo importante peso nel calcio asiatico.

Inizialmente, la Coppa d’Asia si sarebbe dovuta svolgere in Cina nell’estate del 2023, ma la Federcalcio cinese si è poi dovuta tirare indietro a causa delle pesanti restrizioni per il COVID-19 che avrebbero creato non pochi problemi tanto alle nazionali quanto ai tifosi che avrebbero dovuto assistere alle partite. L’AFC ha deciso così di cambiare sede, aprendo a nuove candidature e stuzzicando l’interesse del Qatar che si è fatto avanti ed ora è ad un passo dall’ospitare la coppa.

Nel caso fosse confermata la notizia dei media emiratini, la Coppa d’Asia non potrebbe giocarsi più in estate proprio come accaduto per il Mondiale e slitterebbe di altri 6 mesi, precisamente a gennaio 2024, quando ci saranno i campionati ancora in corso. Di conseguenza, il Napoli si vedrebbe costretto a rinunciare a Kim Min-Jae per un mese, visto che il difensore è uno dei punti fermi della nazionale sudcoreana allenata da Paulo Bento, già qualificata per la competizione.

Dopo aver dovuto rinunciare spesso a Koulibaly nel corso degli anni per la Coppa d’Africa, gli azzurri ora rischiano di dover rinunciare anche a Kim Min-Jae per la Coppa d’Asia, con lo stesso difensore coreano che non sarebbe contento nel caso in cui la coppa si giocasse in Qatar. Questo perché tra i paesi che stanno “battagliando” per ospitare la competizione c’è anche la Corea del Sud (il terzo paese che si è candidato è l’Indonesia ndr.) che non la ospita da 63 anni e a Kim Min-Jae piacerebbe giocare una competizione così importante in casa, oltretutto senza dare problemi al Napoli visto che, giocandosi in Asia Orientale, la coppa si disputerebbe nell’estate 2023 come da programma.