FIFA 23 giocatori beffati dal pacchetto fantasma: ti fa perdere tutto

I giocatori di FIFA 23 hanno riscontrato un problema nella modalità FUT. Un pacchetto ha beffato milioni di player.

Il videogioco più celebre del mondo del pallone ha mandato in tilt diversi utenti. Un bug ha causato problemi a milioni di giocatori.

FIFA 23
Un frame estratto dal trailer ufficiale di FIFA 23 (credit: profilo Twitter EA SPORTS)

FIFA è uno dei videogiochi più diffusi grazie alla compatibilità con tutte le piattaforme e alla popolarità guadagnata negli anni. Nonostante ogni anni la gran parte dei giocatori lamentino alcuni problemi, questo titolo continua a vendere milioni e milioni di copie.
Il gioco, nelle ultime edizioni, è andato incontro a diverse problematiche risolte ben dopo il day one: questo scenario si è verificato anche quest’anno.
Diversi utenti si sono resi protagonisti di una “truffa” nata per errore: ecco cos’è successo nello specifico e come EA stia cercando di risolvere il disguido.

FIFA 23, giocatori truffati: l’errore è grossolano e difficilmente rimediabile

Come anticipato, FIFA ha milioni di utenti ogni anno. Ogni giocatore ha la propria modalità di gioco preferita, ma, senza dubbio, le più gradite sono la “Carriera allenatore” e “FUT“. La prima è usufruibile offline, mentre la seconda è esclusivamente giocabile online e consiste in sfide contro altri giocatori.

Proprio “FUT” è la modalità più discussa e controversa. I videogiocatori costruiscono il proprio “dream team” e per ottenere i giocatori da inserire nella rosa si possono acquistare dei pacchetti (come per le figurine) o si possono comprare direttamente i giocatori partecipando a delle aste.
Di recente, però, un big ha causato un grosso problema. EA, infatti, ha messo in vendita il rarissimo pacchetto “Heroes” per 25mila crediti (cifra molto bassa): moltissimi giocatori, ovviamente, si sono fiondati per acquistarlo.

FIFA 23
Alcune delle carte Heroes (credit: profilo Twitter EA SPORTS)

Gli utenti si sono accorti subito del fatto che le carte Heroes erano scambiabili, ovvero vendibili. Di conseguenza, le hanno subito immesse sul mercato per ricavare cifre altissime, ovvero milioni di crediti. EA ha notato subito l’errore e ha chiuso le vendite dei pacchetti dopo circa 25 minuti, ma nel frattempo il mercato era invaso da queste carte molto rare.

Essendo il mercato saturo, il costo delle carte si è abbassato drasticamente avendo perso la caratteristica della rarità. Di conseguenza, chi le aveva appena acquistate investendo milioni di crediti ha perso l’occasione di spendere molto meno, mentre chi le ha immesse sul mercato non è riuscito ad avere un guadagno sostanzioso.

La EA ha cercato di rimediare a tutto ciò cercando di comprare lei stessa tutte le carte disponibili e, verosimilmente, rimborserà chi ha perso dei crediti regalando dei pacchetti nuovi.