Napoli, la concretezza è il tuo forte: la statistica è impressionante

Rispetto alle passate stagioni, il Napoli si sta dimostrando molto più concreto sotto porta e la statistica è davvero impressionante.

Il Napoli proprio non ne vuole sapere di fermarsi. Contro il Sassuolo, gli azzurri hanno ottenuto la loro ottava vittoria consecutiva in campionato, la tredicesima contando anche le sfide in campo europeo. La squadra di Spalletti sta firmando davvero tanti record con questa partenza veemente, ma ciò che stupisce di più è la facilità disarmante con la quale il Napoli riesce a fare gol.

Napoli Sassuolo
Il Napoli esulta dopo il gol di Kvaratskhelia contro il Sassuolo (LaPresse)

Nell’ultima gara disputata, il Napoli ha siglato 4 gol, di cui ben 3 solamente nel primo tempo, salendo a quota 30 gol fatti nelle prime dodici giornate. Considerando, invece, anche le cinque partite di Champions League, gli azzurri hanno segnato un totale di ben 50 gol e continuando a giocare in questo modo il numero è destinato a salire. Ma c’è una statistica ancor più impressionante che spiega perfettamente quanto il Napoli sia concreto sotto porta.

E’ un Napoli spietato: il dato è incredibile

Victor Osimhen Napoli Sassuolo
Victor Osimhen esulta dopo il gol contro il Sassuolo (LaPresse)

Quest’anno quando arriva nei pressi dell’area di rigore avversaria, il Napoli è davvero spietato. In passato, gli azzurri non riuscivano a concretizzare l’enorme mole di gioco che costruivano, sprecando tantissime palle gol e alla fine finivano per pagare questi errori, ma in questa stagione non è così. A conferma di quanto il Napoli sia letale sotto porta c’è il dato relativo agli exptected goals che è davvero impressionante.

In queste prime dodici giornate, il Napoli ha una media di expected goals di 28.36, una media davvero altissima che certifica il cinismo del Napoli nell’area di rigore avversaria. Gli azzurri sono primi in questa speciale classiifca e davanti a Roma ed Inter, la cui media è rispettivamente di 24.98 e di 24.83, mentre è staccatissima la Juventus con una media di 19.40.

Ciò certifica anche, come detto in precedenza, un netto miglioramento rispetto alle ultime stagioni. Prendendo in esame la precedente stagione, ad esempio, il Napoli dopo dodici giornate aveva una media di expected goals di 21.78 ed occupava solamente la quarta posizione. Nella stagione 2020-2021, invece, la media era leggermente superiore, ovvero dl 22.51, ma gli azzurri erano sesti in quesa speciale graduatoria e lontanissimi dalla Roma capolista che aveva una media di 31.83. Su questi livelli, il Napoli è rimasto anche nella stagione 2019-2020 con una media di 22.48 e nella stagione 2018-2019 con una media di 22.69.

Questi dati confermano in maniera abbastanza evidente quanto il Napoli sia migliorato in fase offensiva, con una squadra capace ora di segnare praticamente con chiunque si trovi nei pressi dell’area di rigore. Non a caso, infatti, il Napoli è una delle migliori squadre del campionato riguardo al rapporto tra occasioni create e gol segnati, dove tutti si rendono pericolosi. A questo proposito, è molto interessante la tabella creata dal sito statistico Opta Analyst:

Un Napoli tanto cinico, quanto granitico in fase difensiva. Se la media degli expected goals è altissima, è invece bassa quella relativa agli expected goals against, con gli azzurri che occupano il secondo posto in questa speciale classifica con una media di 9.67 e dietro solamente alla Roma che ha una media di 7.01. La squadra di Spalletti, però, deve e può ancora migliorare, dato che nelle ultime due stagioni dopo dodici giornate avevano una media più bassa, con un 8.45 nella stagione 2021-2022 ed un 9.36 nella stagione 2020-2021.