Qatar 2022, arriva una dichiarazione shock: reazione del mondo del calcio

I mondiali che inizieranno in Qatar, per diversi motivi, rischiano di essere tra i tornei più controversi. Oltre alle questioni già note sono arrivate delle dichiarazioni che hanno scioccato il mondo del calcio.

Continuano, dunque, le polemiche intorno alla rassegna iridata e la decisione di farla disputare nel paese mediorientale.

Qatar 2022
Lamp Bear, scultura sita nell’aeroporto di Hamad, Qatar [credit: ANSA] – Napoli Calcio Live
Il mondo del calcio ha, però, reagito in maniera estremamente decisa per far sentire la sua voce.

Mondiale in Qatar al via tra le crescenti polemiche

Anche se non ancora iniziato non smette di far discutere l’organizzazione del mondiale in Qatar. Tra le varie critiche la scelta di disputarlo, per ragioni climatiche, nel periodo invernale poiché mantenere la classica kermesse estiva avrebbe potuto inficiare sulla salute dei calciatori dato il caldo torrido che si abbatte sul paese nel periodo estivo. Oltre a ciò vi sono anche le incertezza sulla trasparenza al tempo dell’assegnazione del torneo iridato e che ha portato all’addio dai massimi organi calcistici di Michel Platini e Joseph Blatter. Inoltre, un altro problema è emerso durante la costruzione degli impianti che ospiteranno la rassegna: le condizioni a dir poco disastrose in cui imperversano gli operai e la quasi totale assenza di diritti.

Dichiarazione shock: arriva la reazione decisa e senza mezze misure

Come se non bastasse proprio poco prima dell’inizio della competizione sono arrivate delle dichiarazioni che hanno indignato il mondo del calcio. L’autore di tali dichiarazioni è Khalid Salman, ex calciatore qatariota e ambasciatore del torneo iridato: “La cosa più importante è che tutti accettino le nostre regole. L’omosessualità è haram (proibita N.d.R.). È proibita perché è un problema mentale“.

Le sue, poco fortunate, dichiarazioni hanno fatto eco e trovato la reazione del mondo del calcio. Uno di questi è Hans-Dieter Flick, commissario tecnico della Germania.

Hans-Dieter Flick
Hans-Dieter Flick, commissario tecnico della Germania [credit: ANSA] – Napoli Calcio Live
L’ex tecnico del Bayern Monaco ha commentato le parole dell’ambasciatore senza nascondersi. Ecco le parole di Flick: “Ci lascia senza parole. Sono sbalordito che qualcosa del genere stia accadendo oggi. In Qatar cercheremo di concentrarci solo sullo sport, ma chiaramente affronteremo anche la situazione dei diritti umani e terremo gli occhi e le orecchie aperti. Questo è ciò che rappresenta la DFB, questo è ciò che rappresenta la Nazionale tedesca

Sempre dalla Germania, sponda Bayern Monaco, sono arrivate anche le reazioni del dirigente ed ex calciatore anche della Juventus, Hasan Salihamidzic, che ha definito le parole del qatariota “semplicemente inaccettabili”. Anche i calciatori sono rimasti abbastanza colpiti e indignati da queste dichiarazioni. Tra questi c’è Leon Goretzka, centrocampista del Bayern Monaco e della Germania.

Leon Goretzka
Leon Goretzka, centrocampista del Bayern Monaco e della Germania [credit: ANSA] – Napoli Calcio Live
Anche il calciatore è rimasto incredulo di fronte a queste parole, ecco le sue dichiarazioni: “È una cosa tremenda, bisogna dirlo. È un’immagine che sembra arrivare da un altro millennio. Non è quello che vogliamo rappresentare, noi dobbiamo dare l’esempio. È assolutamente inaccettabile fare un’affermazione del genere“.

Reazioni che arrivano, dunque, da tutto il mondo del calcio, sport che mira ad unire e non a dividere come fatto dall’ambasciatore. Reazioni da parte di tutti tranne che dall’organo che dovrebbe regolamentare anche questo tipo di situazioni: la FIFA. Il massimo organo calcistico ha ignorato le parole dell’ambasciatore, così come tutte le altre situazioni spinose che si sono presentate, ma si sa “Pecunia non olet” è questo ne è il chiaro esempio.