Francia-Marocco, paura scontri a Parigi: noto giornalista parla della situazione

La sfida fra Francia e Marocco nella semifinale Mondiale sarà molto accesa e si temono degli scontri: un giornalista ha analizzato la situazione.

La partita di domani è ricca di spunti culturali, ma anche di tensione: si temono scontri a Parigi ed in tutto il territorio francese.

Kylian Mbappé (Frania) e Achraf Hakimi (Maroco) napolicalciolive.com 13122022
Kylian Mbappé (Frania) e Achraf Hakimi (Maroco) napolicalciolive.com

Il Mondiale in Qatar è entrato nella fase più calda: ormai mancano solo tre partite. Oggi scenderanno in campo Argentina e Croazia per la prima semifinale, mentre domani sarà il turno di Francia e Marocco.
Il match odierno pare molto equilibrato: sono due nazionali di alto livello ed entrambe puntano alla vittoria finale. In tutte e due le formazioni, inoltre, ci sono dei fuoriclasse come Messi e Modric.

Lo scontro di domani, invece, vede nei francesi i grandi favoriti, anche se la squadra di Regragui ha stupito il mondo eliminando due big assolute come Spagna e Portogallo. I nordafricani, inoltre, possono puntare su giocatori di profilo internazionale come Hakimi, Ziyech, Bounou o En-Nesyri.
Si prospettano diverse tensioni a Parigi e nelle altre grandi città della Francia: un giornalista, durante una diretta Twitch sul canale di TV Play, ha analizzato la situazione.

Francia-Marocco, clima rovente: scontri in vista?

La partita fra Francia e Marocco mette di fronte due mondi completamente opposti. Da una parte ci sono i campioni del mondo in carica con una rosa stellare: Mbappé, Griezmann, Giroud e compagni puntano alla vittoria finale.
Dall’altro lato, invece, c’è una formazione che vuole continuare a stupire e che punta fortemente su collettivo e forza di squadra.

Inoltre, si sfidano due popolazioni fortemente legate da un filo rosso. La comunità maghrebina è decisamente folta nel territorio francese e la convivenza fra le varie culture non è sempre stata pacifica. Per questo motivo, si temono degli scontri a Parigi e nelle altre grandi città.

Di questo argomento ha parlato Fabrizio Biasin durante una live su Twitch con il canale di TV Play: di seguito le sue dichiarazioni.

Fabrizio Biasin a TV Play napolicalciolive.com 13122022
Fabrizio Biasin a TV Play napolicalciolive.com

Il giornalista ha esordito affermando: “Sarà una partita accesa per mille motivi, sia sul campo che fuori. Il rischio è che ci sia qualche disordine, a Parigi stanno cercando di prendere le giuste misure”.
Come anticipato, ci sono diversi nuclei marocchini sparsi per tutta Europa e, in particolare, c’è il timore che possano nascere tensioni con i francesi.

Biasin ha poi parlato della partita di domani: secondo lui non c’è paragone fra le due rose, ma ha ricordato come il Marocco fosse sfavorito anche con Spagna e Portogallo. Infine ha aggiunto: “Per me il rapporto è 7 a 3, lascio qualche speranza al Marocco di farcela”.

Biasin: “La speranza è che si resti nei giusti binari”

Fabrizio Biasin ha poi approfondito il tema dei festeggiamenti dei tifosi marocchini partendo da quanto accaduto in Italia. Come noto, ci sono stati anche degli scontri molto accesi a Verona, mentre a Milano pare che la situazione sia stata gestita al meglio: “A Milano si sono ammassati in diversi, ma non hanno fatto nulla di più rispetto a quando magari festeggiano gli italiani, poi lo fanno a modo loro perché ogni popolo ha le sue tradizioni”.

Tifosi del Marocco in festa a Milano napolicalciolive.com 13122022
Tifosi del Marocco in festa a Milano napolicalciolive.com

Tornando sui possibili scontri in Francia, ha chiuso così il suo intervento: “Finché si resta nella logica delle cose secondo me va bene. Il problema non è qua a Milano, ma a Parigi credo. La speranza è che si resti nei giusti binari”.