Atalanta, tutti sul gioiello di Gasperini: serve una cifra monstre

Atalanta al centro del mercato: le big sono pazze di uno degli uomini di Gasperini. Per averlo, però, serve una cifra molto alta: ecco la richiesta.

I bergamaschi dovranno difendersi dall’assedio dei top club: un nerazzurro ha conquistato tutti e ora l’addio non è più da escludere.

Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta napolicalciolive.com 16122022
Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta napolicalciolive.com

L’Atalanta ha vissuto una prima parte di stagione dai due volti. L’avvio è stato strepitoso e al di sopra delle aspettative, mentre il finale ha portato ad un crollo verticale. I bergamaschi sono rimasti a lungo attaccati alla vetta, ma le ultime partite del 2022 sono state decisamente negative. In particolare, la Dea ha perso tre match di fila contro Napoli, Lecce ed Inter, arrivando così alla sosta con 27 punti raccolti in 15 giornate.

Ad ogni modo, la zona Champions League è ancora molto vicina (3 punti di distanza) ed il sesto posto attuale varrebbe la qualificazione alla prossima Conference League. L’obiettivo è quello di tornare a giocare in Europa dopo la mancata partecipazione della stagione in corso. Gasperini, dopo la partita con l’Inter, si è lasciato andare ad uno sfogo per sottolineare come qualcosa non abbia funzionato durante la sessione di mercato estiva: probabilmente, si aspetta un intervento a gennaio.

L’allenatore, però, teme per la partenza di un suo giocatore titolare: le big di tutta Europa lo vorrebbero. L’Atalanta, comunque, fa muro: per lasciarlo andare chiede una cifra monstre.

Atalanta, le big vogliono il pupillo di Gasperini: ecco la richiesta

L’Atalanta, negli anni, ha rappresentato una bottega molto cara. Da Bergamo sono partiti giocatori che hanno poi giocato in grandi squadre come Kessié, Gagliardini, Petagna, Gomez, Romero o Gosens. La politica del club ha sempre seguito una linea continua: cedere a peso d’oro e ricostruire dai giovani. Con questa filosofia, la Dea ha ottenuto risultati importanti, arrivando anche a giocare in Europa con regolarità.

Anche quest’anno, però, le big potrebbero bussare alla porta per chiedere informazioni per alcuni giocatori interessanti. Diversi singoli hanno messo in mostra il proprio talento durante la prima parte di stagione, ma qualcuno in particolare avrebbe conquistato tutti: Giorgio Scalvini. Della sua situazione ha parlato il giornalista Luca Bassi durante una diretta Twitch sul canale di TVPlay.

Luca Bassi a TVPlay napolicalciolive.com 16122022
Luca Bassi a TVPlay napolicalciolive.com

Bassi ha affermato che diverse squadre sono interessate al 42 nerazzurro, ma ha anche aggiunto che, secondo lui, il Milan sarebbe da escludere visto il costo elevato del cartellino. L’Atalanta, infatti, chiederebbe almeno €40 milioni per lasciarlo partire. Il giornalista ha poi inquadrato così lo scenario: “Adesso nel Milan o nella Juve non sarebbe decisivo. Stai comprando un giovane. Anche Gasperini sa che ha bisogno di completare il processo di crescita”.

Dopo aver escluso anche la Juve per i motivi societari, ha puntato il focus sull’Inter, che potrebbe puntare sull’inserimento di una contropartita tecnica: “L’Inter è forse l’unica che potrebbe muoversi. Fabbian interessa all’Atalanta, anche se non so quanto può valere il suo cartellino. Neanche l’Inter però può arrivare a quanto chiede l’Atalanta”.

Tutti pazzi per Scalvini: non solo Serie A, piace anche all’estero

Come ha rivelato Bassi, l’Inter sarebbe la squadra italiana maggiormente interessata a Scalvini. Il giocatore piace per la sua grande duttilità: può giocare sia in difesa che a centrocampo. In stagione ha ricoperto entrambi i ruoli, sia con l’Atalanta che con l’Italia.

Giorgio Scalvini napolicalciolive.com 16122022
Giorgio Scalvini napolicalciolive.com

Secondo varie voci, il 42 atalantino sarebbe addirittura finito nel mirino di due big europee come Atletico Madrid e Manchester City. Difficilmente lascerà Bergamo a gennaio, ma il suo profilo sarà uno dei più richiesti durante la prossima estate, ma serviranno almeno €40 milioni.