L’attaccante azzurro zittisce tutti dopo le polemiche: “E’ stata una mia scelta”

E’ uno degli attaccanti azzurri più promettenti del campionato eppure è stato bersagliato da critiche anche feroci: le sue parole sono veramente pesantissime.

Con il Mondiale ufficialmente concluso, è partita la conta dei giorni che mancano per la ripresa della Serie A fissata per il 4 gennaio. Il Napoli è atteso subito da una sfida molto complicata, con gli azzurri che saranno impegnati al Meazza contro l’Inter.

Napoli - napolicalciolive.com
Napoli – napolicalciolive.com

La squadra di Spalletti si sta allenando duramente per farsi trovare pronta in vista di questo big match, cosciente del fatto che ripartire con una vittoria in una partita come questa può dare un’ottima spinta per la seconda parte di stagione. Il Napoli non ha alcuna intenzione di rallentare e nel corso della sua intervista al Corriere dello Sport Giacomo Raspadori lo ha fatto capire in maniera chiara quali sono le intenzioni degli azzurri in questa seconda parte di stagione.

Raspadori carica il Napoli e replica alle critiche: non le manda a dire

E’ arrivato dal Sassuolo solamente quest’estate, ma per come sta interpretando il suo ruolo e per come parla, sembra che Giacomo Raspadori giochi nel Napoli da sempre. L’attaccante azzurro, nel corso della sua intervista al Corriere dello Sport, ha mostrato davvero tanta personalità e non si è fatto alcun problema nel candidare la sua squadra alla vittoria finale.

Raspadori ha affermato che mentirebbe se dicesse di non stare pensandoci allo scudetto, ma che allo stesso tempo non è un’ossessione e che c’è voglia di conquistarlo: Però ci credo: per conquistarlo servirà l’impegno di questi tre mesi e la capacità di dimostrare che l’abbiamo meritato. Le qualità del Napoli, finora, sono emerse“, ha dichiarato, aggiungendo come la squadra sia lavorando con tranquillità senza stressarsi.

Giacomo Raspadori - napolicalciolive.com
Giacomo Raspadori – napolicalciolive.com

Il Napoli non solo è primo in classifica, ma ha anche otto punti di vantaggio sul Milan secondo in classifica e questo per Raspadori mette gli azzurri in una posizione privilegiata. L’ex Sassuolo ha ammesso come sia meglio stare avanti che dietro ad inseguire, aggiungendo però come la squadra non si debba cullare su questo vantaggio e capire che niente è stato ancora fatto.

A livello personale, invece, Raspadori non sta giocando molto e spesso ha iniziato dalla panchina vista la concorrenza di Osimhen al centro dell’attacco e di Kvaratskhelia sull’esterno di sinistra. Pur trovando poco spazio, però, l’attaccante azzurro non si è fatto buttar giù ed anche sotto questo aspetto ha dimostrato grande maturità. Sono state tante le critiche da cui è stato travolto, anche a seguito delle ultime gare con la nazionale azzurra: tuttavia l’attaccante è stato sollevato dalle parole di Mancini e non solo.

Raspadori ed il trasferimento al Napoli: le sue parole non lasciano dubbi

Quando un giocatore non scende in campo o non è spesso titolare non può essere contento, ma Raspadori non si è detto affatto turbato da ciò. L’attaccante azzurro ha sottolineato come lo stesso Alvarez, campione del mondo con l’Argentina, non abbia giocato molto ed abbia collezionato addirittura meno minuti di lui. Raspadori ha poi affermato di non sentire affatto la pressione e che è normale avere un po’ di sana concorrenza nei grandi club.

Raspadori dichiarazioni - napolicalciolive.com
Raspadori dichiarazioni – napolicalciolive.com

Riguardo alla scelta di trasferirsi al Napoli, invece, Raspadori ha dichiarato di non avere alcun rimpianto e che è stata una sua decisione, sollecitata da ciò che gli hanno detto Spalletti e Giuntoli che gli hanno dato fiducia. Parole, queste, che spazzano via ogni dubbi e che spengono alcune voci secondo le quali l’ex Sassuolo non sarebbe contento del poco spazio concessogli fin qui.