Fiorentina si raffredda la pista per l’esterno: i dettagli

La Fiorentina di Vincenzo Italiano cerca rinforzi nel reparto offensivo, non proprio prolifico in questa prima parte di stagione, per confermare un piazzamento nelle coppe europee.

Dalla partenza di Vlahovic, avvenuta un anno fa in direzione Juventus, la viola ha perso la sua efficacia in termini di gol.

Italiano Fiorentina
Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina – napolicalciolive.com

Il dato è in controtendenza con la passata stagione dove la squadra di Italiano aveva messo in mostra un grande potenziale offensivo.

La Fiorentina prova a cambiare marcia ma con il Monza è solo pari

La Serie A è tornata in campo per la sedicesima giornata, la prima dopo la sosta dovuta ai mondiali. Allo Stadio Artemio Franchi di Firenze la squadra guidata da Italiano non è, però, riuscita ad avere la meglio del neopromosso Monza, rimanendo al decimo posto in classifica e ben lontana dai piazzamenti per le coppe europee. I primi squilli sono tutti viola, prima con Saponara che calcia alto, poi con Biraghi che coglie il palo direttamente da calcio d’angolo. Al 19′ la Fiorentina riesce a sbloccarla. Martinez Quarta lancia in profondità Arthur Cabral che brucia Caldirola in velocità e con un potentissimo destro fulmina Di Gregorio. L’ultimo squillo del primo tempo è sempre gigliato con il giovane Bianco, schierato al posto di Amrabat, che impegna Di Gregorio dalla distanza.

Cabral Fiorentina
Arthur Cabral, attaccante della Fiorentina – napolicalciolive.com

Nella ripresa scende in campo un Monza più in palla che si fa vedere subito con il neo entrato Andrea Petagna. Al 60′ doccia fredda per il Franchi. Birindelli trova Ciurria sull’out di destra, l’esterno crossa in area e trova un prontissimo Carlos Augusto abile a deviare verso la porta trafiggendo Terracciano. La Fiorentina rischia anche di perderla: prima con Dany Mota che trova un attento Terracciano, poi con Petagna che calcia clamorosamente alto da buona posizione. Nel finale Martinez Quarta ci prova di testa ma Di Gregorio gli nega il gol con un riflesso strepitoso. Si chiude 1-1, dunque, il rientro in campo della viola di Italiano che non approfitta dei risultati delle rivali per accorciare il gap.

Oggi si torna in campo: la sfida con il Sassuolo sarà importante e metterà in palio tre punti pesanti. I neroverdi arrivano dalla brutta sconfitta interna con la Samp e sperano di rifarsi.

La viola ragiona sul mercato: si complica la trattativa per l’esterno

La sterilità offensiva mostrata dai toscani spinge la società a ragionare su eventuali nuovi innesti nel reparto offensivo. Il tecnico ex Spezia, inoltre, accoglierebbe volentieri un esterno offensivo visti i problemi fisici di Sottil e Nico Gonzalez e la discontinuità di Ikoné. Sul taccuino della dirigenza gigliata c’è ancora Jeremie Boga, ivoriano ex Sassuolo che sta faticando parecchio con la maglia dell’Atalanta.

Boga Atalanta
Jeremie Boga, attaccante dell’Atalanta – napolicalciolive.com

Da quando ha lasciato Sassuolo, infatti, Boga non è riuscito a scendere in campo con regolarità, limitandosi al ruolo di comprimario nello scacchiere di Gasperini. Nonostante non sia centrale nel progetto orobico, però, la Dea non lo lascerà partire a prezzo di saldo. Secondo quanto riportato da La Nazione, per il trasferimento di Boga l’Atalanta partirebbe da una base di 20 milioni. Cifra che sta portando il club di Commisso a ragionare sull’eventuale investimento ed eventualmente virare altrove. Sull’ivoriano, d’altronde, la concorrenza non manca con Olympique Marsiglia e Leicester apparentemente disposti ad assecondare le richieste dei bergamaschi.