Maurizio Sarri choc: arriva un annuncio da brividi

Ancora un durissimo attacco di Maurizio Sarri, che stavolta addirittura fa un annuncio a dir poco catastrofico: cosa ha detto l’allenatore

Tutti sanno che a Maurizio Sarri il calcio moderno non piace. Sono note le battaglie dell’allenatore della Lazio contro – soprattutto – i calendari affollati (perfino quelli delle coppe europee infrasettimanali) e soprattutto per gli impegni delle nazionali.

Annuncio catastrofico di Sarri, che attacco
L’allenatore della Lazio Maurizio Sarri (Napolicalciolive – LaPresse)

Da sempre, l’allenatore di Figline si è scagliato contro la necessità di far giocare amichevoli alle varie nazionali in piena stagione. Ma il toscano ha avuto da ridire anche sui Mondiali, come quelli che si sono giocati lo scorso anno. Fosse per lui probabilmente li abolirebbe, a quanto pare. Ed ebbe da ridire anche contro la Coppa d’Africa, che pure si gioca in piena stagione. Insomma, a Sarri questo “intasamento” proprio non va giù.

E non manca mai occasione per ribadirlo, spesso con insistenza e durezza. Appena ha l’occasione insiste sulla sua linea, in particolar modo nel periodo della sosta. E lo ha fatto anche questa volta, quando di nuovo ha commentato la pausa delle nazionali, l’ultima da qui alla fine del campionato. L’occasione è la vigilia della partita di campionato contro il Monza, quando l’allenatore ha presentato l’incontro in conferenza stampa.

Sarri furioso con le nazionali: “Ma cosa c… sta succedendo?”

“Queste nazionali sono una follia – ha detto Sarribasta vedere cosa ha dovuto fare Vecino per giocare due amichevoli, i viaggi che ha fatto. E’ ormai palese che il campionato, in questo modo, non è più fattibile. Eppure ho sentito un folle che lo ha paragonato all’NBA. C’è una bella differenza tra una partita di calcio e una di basket. In quella di calcio i giocatori beccano un sacco di botte che nell’altro sport non ci sono”. Una vera e propria invettiva da parte del tecnico biancoceleste, che proprio non tollera le pause per le nazionali. Anche se poi a un certo punto tiene a chiarire.

Duro attacco di Sarri, che frecciata
Maurizio Sarri (Napolicalciolive – Lapresse)

“Io non critico le nazionali, anzi non me ne frega nulla – ha spiegato l’allenatore in queste due settimana di sosta ho visto solo 10 minuti di Kosovo-Andorra, e ho visto 22 giocatori in area e ho detto “ma che ca… sta succedendo qui? Non critico le nazionali, ma un calendario folle e fatto male. La qualità poi va a pu… e ne risente tutto il mondo del calcio. Mi dovrebbero spiegare che cosa stanno facendo, perché questo non è uno sport, ma un business, ormai”. E poi Sarri si lascia andare a una previsione alquanto catastrofica. “Non escludo che questo sport possa finire tra 10 anni”. Un duro sfogo e una previsione alla quale non crede nemmeno lui, probabilmente, ma anche un segnale di come l’allenatore ex Napoli voglia provare a cambiare il sistema calcio a partire dalla riformulazione dei calendari.

Impostazioni privacy