Home Ultime Notizie Calcio Napoli - Live News Mario Rui, l’agente: “Il Mondiale un’emozione. Sarri la soluzione migliore”

Mario Rui, l’agente: “Il Mondiale un’emozione. Sarri la soluzione migliore”

Mario Rui © Getty Images

Napoli, agente Mario Rui a Radio Kiss Kiss – Mario Giuffredi ha parlato in radio della partecipazione al Mondiale del suo assistito ma non solo.

La stagione degli azzurri sta per concludersi: domenica contro il Crotone sarà l’ultima di campionato. La squadra ha la possibilità di chiudere con un punteggio record, il quale rende davvero surreale il non aver vinto lo scudetto. Ma i tifosi del Napoli dovranno mettersi l’anima in pace: i rivali hanno fatto ancora di più. Eppure il traguardo raggiunto, quello degli attuali 88 punti, è arrivato senza l’apporto di pedine fondamentali per il gioco di Sarri. Pedine come Ghoulam e Milik. Quest’ultimo sta tornando in queste settimane con gol da vero uomo d’area di rigore, e chissà quante altre ‘castagne dal fuoco’ avrebbe potuto togliere in caso di mancato infortunio. Ma soprattutto è mancato l’alegrino, con il quale la squadra aveva costruito una catena perfettamente funzionante. Al suo posto c’è stato l’ingresso di Mario Rui che, a poco a poco, si è inserito senza intoppi negli schemi dell’allenatore azzurro arrivando a guadagnarsi la convocazione portoghese per il Mondiale 2018. A tal proposito il suo agente ha detto a Radio Kiss Kiss Napoli: “Sono particolarmente legato a Mario Rui, quando l’ho preso non era nemmeno titolare in Serie B, vederlo ai Mondiali mi rende la persona più felice del mondo”.

Napoli, agente Hysaj su Sarri: “Può far crescere ancora la squadra”

Mario Giuffredi, procuratore di Mario Rui, appunto, ha poi parlato anche di Sarri e di quello che potrebbe essere il futuro del Napoli con un nuovo allenatore: “La mia sensazione è che Sarri resterà a Napoli, stanno trovando gli accordi per proseguire insieme, a me sembra la soluzione migliore. Se arrivasse un nuovo allenatore servirebbe tempo per ritrovare grandi livelli, Ancelotti non avrebbe la bacchetta magica. Con Sarri, invece, si può ancora crescere senza andare a fare mercato in casa di Bayern, Liverpool o Real”.