Home Calciomercato Napoli Bologna su Tonelli e Inglese, il Napoli chiede 20 milioni: le ultime

Bologna su Tonelli e Inglese, il Napoli chiede 20 milioni: le ultime

Bologna su Tonelli e Inglese
Tonelli © Getty Images

Bologna su Tonelli e Inglese – La squadra emiliana starebbe puntando al doppio colpo azzurro, il Napoli chiede 20 milioni complessivi.

In casa Napoli l’estate si fa sempre più rovente. Giorno dopo giorno, il direttore sportivo Cristiano Giuntoli lavora per portare a termine trattative da ogni parte del mondo. Ma il telefono dell’ex Carpi squilla anche dall’Italia, dove pure c’è molto da svolgere. L’obiettivo è quello di permettere ad Ancelotti di svolgere una preparazione con squadra al completo durante il ritiro di Dimaro del prossimo luglio. Ma, oltre alle eventuali entrate, ci si aspetta un grande lavoro anche in uscita. Ci sono molti calciatori che aspettano di cnoscere il proprio destino ed il proprio ruolo all’interno del club dopo essere stati tenuti ai margini del progetto Sarri. Tra questi c’è sicuramente il difensore Tonelli che, complice anche qualche infortunio di troppo, non ha mai trovato molto spazio da titolare nella formazione azzurra. Ci sarà poi da gestire la situazione ‘rientri’, Ciciretti e Inglese in particolar modo.

Bologna su Tonelli e Inglese, bottino da 20 milioni per il Napoli

Stando alle ultime de Il Mattino, oggi in edicola, il Bologna avrebbe messo gli occhi proprio su due degli ‘esuberi’ napoletani: Lorenzo Tonelli e Roberto Inglese. Il Napoli vauterebbe entrambi per una cifra complessiva intorno ai 20 milioni di euro. Contatti più intensi tra i due club potrebbero avvenire nei prossimi giorni. Il calciomercato Napoli potrebbe in tal modo piazzare due calciatori ai margini della rosa, a meno che Ancelotti non li valuti diversamente, e guadagnare un bottino niente male, utilizzabile per le spese su nuovi arrivi. Mentre in Russia, dunque, i Mondiali tengono impegnati le Nazionali (con Mertens che ha fatto un gol straordinario col suo Belgio contro il Panama), per i club non c’è tempo di stare incollati al televisore: il mercato chiama.