Home Calciomercato Napoli - Ultimi Scoop di mercato Albiol, la clausola preoccupa il Napoli: oggi previsto incontro con Giuntoli

Albiol, la clausola preoccupa il Napoli: oggi previsto incontro con Giuntoli

Clausola Albiol
Albiol Napoli Udinese © Getty Images

Clausola Albiol – Il calciatore potrebbe andare via dal Napoli per soli 6 milioni di euro, oggi Giuntoli dovrebbe incontrarlo per capirne le intenzioni.

In casa Napoli ci sono ancora tante incognite in questa calda estate di mercato. Si attende con ansia l’arrivo di un nuovo portiere che possa sostituire al meglio Pepe Reina. Pare sia fatta per Meret, ma c’è da trovare anche una riserva. Intanto, a far preoccupare la società azzurra, è anche la situazione di Raul Albiol. Il difensore spagnolo ha infatti, da contratto, una clausola di svincolo pari a 6 milioni di euro. Una cifra appetibile per molti club, date anche le prestazioni dello spagnolo con i partenopei. Sia Villarreal che Chelsea sarebbero intenzionate, non a caso, a pagare il prezzo della clausola e portarsi in rosa l’esperto difensore. Ma, a quanto pare, il club non ci sta e non avrebbe alcuna intenzione di lasciarsi soffiare il proprio leader difensivo. Ecco allora che Giuntoli potrebbe incontrare oggi l’ex Real Madrid per capirne le intenzioni.

Causola Albiol, decisivo il parere della famiglia

Le sensazioni per la permanenza di Albiol sarebbero comunque positive. A riportarlo è l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport. Per il calciatore la tentazione di finire la propria carriera in Spagna, sua terra d’origine, sarebbe forte, ed il Villarreal sarebbe disposto a pagarne la clausola da 6 milioni. A bloccare un eventuale trattativa potrebbe essere soltanto il difensore, qualora dovesse convincersi di restare ancora in azzurro. Per capirne le intenzioni, oggi dovrebbe avvenire un incontro con i direttore sportivo Cristiano Giuntoli. L’addetto al calciomercato proverà a convincere il trentaduenne a rimanere a Napoli, ma decisivo potrebbe essere il parere della sua famiglia, che pare non voglia andare altrove. Per questo motivo c’è un cauto ottimismo: il centrale e i suoi cari avrebbero trovato nella città campana un luogo in cui vivere sereni.