Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Napoli-Sampdoria, gara degli ex: Quagliarella, Gabbiadini e non solo

Napoli-Sampdoria, gara degli ex: Quagliarella, Gabbiadini e non solo

Ex di Napoli-Sampdoria
Fabio Quagliarella © Getty Images

Ex di Napoli-Sampdoria – Nella partita di sabato pomeriggio ci saranno tanti calciatori che hanno vestito sia l’una che l’altra maglia in carriera. Non solo Quagliarella…

Sono tanti gli ex di Napoli-Sampdoria, una gara che vedrà Ancelotti sfidare Giampaolo per provare a vincere dopo la deludente prestazione dell’andata. In campo si ritroveranno con colori diversi calciatori che nel recente passato hanno attraversato una fase azzurra. Primo su tutti, naturalmente, Fabio Quagliarella. Napoletano verace, tifoso e sostenitore dei colori azzurri nonostante tutto. Il drammatico episodio di stalking che lo ha spinto ad allontanarsi dalla squadra azzurra e virare verso altri lidi, inimicandosi un popolo che in lui sperava di trovare un nuovo ‘Masaniello’, un rivoluzionario, ne ha condizionato per sempre la carriera che ora, però, è più che mai felice. 36 anni (compiuti ieri) e non sentirli: lo stabiese corre e segna macinando record, al punto che Mancini lo ha convocato nuovamente in Nazionale dopo moltissimo tempo.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> Napoli-Sampdoria, gara d’andata deludente. Ancelotti vuole riscattarsi

Ex di Napoli-Sampdoria: anche Gabbiadini, Tonelli e Rafael

Ma Napoli-Sampdoria non sarà speciale soltanto per l’attaccante con la 27 sulle spalle. A ritrovarsi contro il San Paolo dopo averci gioito con i colori azzurri saranno anche altri protagonisti sampdoriani. Come Gabbiadini, rientrato da poco in Italia dopo la biennale esperienza al Southampton. Il calciatore approdò nel club campano nel gennaio del 2015 proprio dalla Sampdoria, ma trovò poco spazio con Maurizo Sarri e spinse per la cessione. Altro tassello ex azzurro è Lorenzo Tonelli. Il difensore è stato per un paio di stagioni all’ombra del Vesuvio, lasciando il segno con un paio di gol che hanno tolto le castagne dal fuoco alla squadra. In ultimo, ma non ultimo in ordine di importanza, c’è da menzionare Rafael. Il ventottenne portiere ha lasciato un ricordo indelebile nella memoria dei napoletani, parando i rigori che hanno permesso al club di alzare la Supercoppa nel dicembre del 2014 contro la Juventus. Insomma tutti avversari, ma con un pezzo di cuore per sempre azzurro.

LEGGI ANCHE —> Nazionale, convocato Meret: torna anche Quagliarella. La lista