Home Rubriche Napoli-Torino, l’ultima volta Mazzarri beffò Sarri. Con Ancelotti per vincere

Napoli-Torino, l’ultima volta Mazzarri beffò Sarri. Con Ancelotti per vincere

CONDIVIDI
Napoli-Torino
Carlo Ancelotti in Napoli-Sampdoria ©Getty Images

Napoli-Torino – Ancelotti dovrà provare a far dimenticare la beffa che lo scorso anno gli azzurri hanno subito contro i granata guidati da Mazzarri.

Oggi è il giorno di Napoli-Torino. Azzurri e granata si sfideranno allo stadio San Paolo di Fuorigrotta per provare a vincere. Gli azzurri inseguono la Juventus in classifica ed hanno intenzione di diminuire il gap che li separa dai bianconeri, ma non sarà facile. I rivali hanno giocato venerdì aprendo la ventiquattresima giornata di Serie A e vincendo contro il Frosinone. Agli azzurri, reduci da un deludente pareggio ottenuto in casa della Fiorentina, resta il compito di provare a dimenticare il momentaccio delle ultime trasferte e trionfare alla grande, almeno per ora, in casa propria. Ma di contro ci sarà un Torino super agguerrito a soli 4 punti dalla zona europea e desideroso di ottenerne degli altri per poter recuperare sulle avversarie (Atalanta, Lazio e Roma).

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> Napoli, statistiche Callejon da brividi: nessuno come lui in Europa

Napoli-Torino, l’obiettivo di Ancelotti

L’obiettivo del Napoli è dunque vincere, mentre quello di Ancelotti è duplice. In primis, l’allenatore azzurro vuole ricattarsi dopo le critiche arrivate per dei risultati no troppo brillanti nelle ultime uscite stagionali. In secondo luogo il mister vorrà provare a far dimenticare ai tifosi azzurri l’amara beffa dello scorso anno arrivata proprio contro i granata dell’ex Walter Mazzarri. A sette minuti dal termine della gara, infatti, Lorenzo De Silvestri portò la sua squadra sul 2-2 approfittando di una distrazione della difesa napoletana, ormai con il morale a pezzi dopo lo scudetto perso sul finire. Stasera gli uomini di Ancelotti non dovranno lasciarsi intimidire da nessun ostacolo e dovranno reagire diversamente rispetto a quando c’era Sarri alla guida: contro una squadra grintosa come quella torinese ci vuole carattere e forza d’animo. Il gruppo a dimostrato di essere unito già in Europa League con la vittoria sullo Zurigo, ma ora il pubblico chiede risposte anche in campionato.

LEGGI ANCHE —> Ospina-Napoli, pessimismo sul riscatto: l’ingaggio il problema?