Home Napoli News Napoli, ultras sempre contro ADL. Così degli azzurri potrebbero andarsene

Napoli, ultras sempre contro ADL. Così degli azzurri potrebbero andarsene

CONDIVIDI
Napoli-Liverpool tifosi
PSG-Napoli, tifosi azzurri presenti in massa © Getty Images

Il grave episodio accaduto a Frosinone con la maglia del capitano Callejon tirata indietro e quel “Meritiamo di più” potrebbero avere conseguenze anche sul mercato.

Così scrive ‘Il Mattino’ nella sua edizione odierna: “A Frosinone è accaduto qualcosa di inaccettabile sul piano etico e sportivo. Gli autori dell’incomprensibile e offensivo gesto, riconducibili al gruppo ultrà della Curva B, sono probabilmente tra coloro che sabato sera hanno issato in luoghi simbolo di Napoli, come piazza Plebiscito, striscioni contro De Laurentiis. È noto che lo contestino da anni, a prescindere da campagne acquisti e risultati. Il presidente del Napoli è tra i pochi dirigenti ad aver alzato un muro tra la sua società e queste fazioni con circostanziate denunce che dodici anni fa portarono anche ad arresti di capitifosi. Quei cori di contestazione al San Paolo, da un bel po’, vengono sottolineati dai fischi degli spettatori presenti in altri settori: nessuno può sentirsi padrone dello stadio e del tifo”.

Per leggere altre notizie su Frosinone Napoli —> CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Napoli, maglia tirata indietro a Callejon: plebiscito social contro quei tifosi

Napoli, “non ci meraviglieremmo se alcuni azzurri cominciassero a interrogarsi sull’opportunità di restare”

Il quotidiano napoletano aggiunge: “Meritiamo di più? Magari giocatori in grado di far compiere al Napoli il decisivo scatto per lo scudetto? Ma cosa potrebbe pensare un costoso fuoriclasse di una tifoseria in cui vi è una frangia che rifiuta in malo modo la maglia del capitano dopo una vittoria e una qualificazione Champions? Quale appeal potrebbero mai avere Napoli e il Napoli? La presenza di Ancelotti è uno stimolo, ma scene come quelle viste a Frosinone rischiano di essere un freno. Non ci meraviglieremmo se alcuni azzurri cominciassero a interrogarsi sull’opportunità di restare”.