Cagliari, il giudice sportivo non perdona: arriva la pesante sanzione

0
27

Cagliari giudice sportivo – Dopo quanto avvenuto nella gara contro il Napoli arriva la pesante sanzione per club, presidente e allenatore.

Cagliari giudice sportivo
Napoli-Cagliari, il rigore fishiato ©Getty Images

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

Non sono state impunite le veementi proteste dei rappresentati del Cagliari a bordo-campo durante la gara contro il Napoli al San Paolo di domenica scorsa. La formazione sarda ha perso il match allo scadere del recupero a causa di un rigore tirato da Lorenzo Insigne. E’ proprio l’assegnazione del penalty che ha mandato su tutte le furie Rolando Maran, allenatore dei rossoblu, e gli uomini con lui in panchina. La decisione non è stata facile da prendere, ma con l’aiuto del VAR Chiffi ha decretato l’assegnazione del tiro dagli undici metri per fallo di mano sulla linea dell’aria di rigore da parte di Cacciatore. Difficile stabilire se quel mani fosse dentro o fuori, ma la tecnologia 3D dello strumento tecnologico ha aiutato nella scelta. Ma per il tecnico rossoblu la decisione non è stata affatto digerita e, a caldo, la reazione è stata delle peggiori.

LEGGI ANCHE —> Napoli-Cagliari, rigore sacrosanto: “VAR con tecnologia 3D”

Cagliari giudice sportivo: puniti allenatore, presidente e società

Oggi, dunque, è arrivata la decisione del giudice sportivo, che non ha lasciato impunito il tecnico, la società ed il presidente Giulini. Per Maran la sanzione è una squalifica “per aver, al 53° del secondo tempo, uscendo dall’area tecnica, contestato una decisione arbitrale, rivolgendo agli Ufficiali di gara espressioni ingiuriose e, all’atto dell’allontanamento, assunto un atteggiamento irrispettoso”. Per il patron Giulini, invece, multa di 7000€ con diffida “per avere, al termine della gara, contestato una decisione arbitrale con atteggiamento polemico nei pressi dello spogliatoio del Direttore di gara”. Infine la società Cagliari ha ricevuto un’ammenda di 7000€ “per responsabilità diretta in relazione alla condotta del proprio presidente”.