Home Napoli News UFFICIALE: Allegri Juventus, è divorzio: domani conferenza verità

UFFICIALE: Allegri Juventus, è divorzio: domani conferenza verità

Allegri Juventus addio
Massimiliano Allegri Juventus, è divorzio: domani la conferenza © Getty Images

Rapporto Allegri Juventus giunto alla fine: lo fa sapere la società bianconera attraverso uno striminzito comunicato sul web. “Domani saprete tutto”.

È giunta la parola fine alla telenovela Allegri Juventus. Alla fine sarà divorzio. Lo ha comunicato il club bianconero rivale del Napoli attraverso una nota pubblicata sui propri canali web ufficiali. Pochissime parole per far sapere ai tifosi bianconeri ed agli appassionati di calcio che ci sarà il divorzio. Si legge: “Massimiliano Allegri non siederà sulla panchina della Juventus nella prossima stagione 2019/2020. L’allenatore e il Presidente, Andrea Agnelli, incontreranno insieme i media in occasione della conferenza stampa, che si terrà domani, sabato 18 maggio, alle ore 14 presso la sala conferenze dell’Allianz Stadium”. Quindi alla vigilia di Juve-Atalanta, partita che doveva segnare la festa per l’ottavo scudetto di fila della società piemontese, si parlerà alla fine di tutt’altro. Il divorzio Allegri Juventus ha del clamoroso.

LEGGI ANCHE –> Lite in diretta Allegri-Adani. L’allenatore della Juventus: “Stai zitto, parlo io ora”

Allegri Juventus, chi al posto del livornese in bianconero?

Secondo indiscrezioni, Allegri avrebbe richiesto alla dirigenza juventina la cessione di cinque big. Si tratterebbe anzitutto di Dybala, con il quale i rapporti sembrano essere non buoni. Ieri poi il fratello-agente dell’argentino aveva detto che “Paulo non è contento ed andrà via dalla Juve. E non sarà il solo”. Poi sono circolati anche i nomi di Mandzukic, Douglas Costa, Alex Sandro e Cancelo in questo senso. Nel frattempo è caccia al nuovo allenatore. I nomi circolati negli ultimi giorni sono diversi. Si va da Didier Deschamps fino alla fantascientifica possibilità di arrivare a Pep Guardiola. Ci sarebbe poi anche Mauricio Pochettino, che ha fatto sapere di voler lasciare il Tottenham senza ampie garanzie di successo. Poi in secondo piano ci sono anche i vari Antonio Conte, Maurizio Sarri e Simone Inzaghi. Senza dimenticare Luciano Spalletti qualora proprio Conte dovesse prendere il posto sulla panchina dell’Inter. L’unica big certa di mantenere il proprio allenatore resta ora il Napoli con Carlo Ancelotti.