Home Napoli News Sarri alla Juve, Cobolli Gigli: “Non lo prenderei, non ha classe”

Sarri alla Juve, Cobolli Gigli: “Non lo prenderei, non ha classe”

CONDIVIDI

Sarri Cobolli Gigli – L’ex presidente della Juventus ha parlato della possibilità di vedere l’ex tecnico del Napoli in bianconero, esprimendo la sua opinione da tifoso.

Sarri Juve
Maurizio Sarri Juve, le voci continuano ©Getty Images

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, ha commentato a Radio Kiss Kiss Napoli la possibilità che Maurizio Sarri diventi il nuovo tecnico bianconero. “Da tifoso non lo vorrei Sarri alla Juventus – ha dichiarato – ha fatto un contratto di 3 anni al Chelsea e dopo un solo anno ha riscoperto che vuole rivedere la mamma e il papà. L’affare Sarri può essere come Ronaldo, può non rendere per quanto ti aspetti. E poi Maurizio non è un buon comunicatore. Attualmente l’unico comunicatore alla Juve è Nedved, una volta c’era Marotta. L’aspetto della comunicazione poi è fondamentale nell’ambiente Juve. Perchè dico no? Innanzitutto per quel dito medio… sa dove deve metterselo. E’ un grande allenatore, ma è un razzista che vuole diventare ricco e frequentare i salotti”.

LEGGI ANCHE —> Napoli, i bookmaker non hanno dubbi: ecco il futuro di James Rodriguez

Sarri Cobolli Gigli: “Vuole arricchirsi e frequentare salotti”

“Sarri non ha classe – ha continuato Cobolli Gigli – è uno che bestemmia. Se poi dovrei portare qualcuno che faccia vincere la Champions alla Juventus allora come dirigente direi ho preso la strada di Ronaldo e adesso devo farla fruttare, e cerco di dargli un allenatore che possa andare bene a Ronaldo, sempre che Sarri lo sia. Alla Juve ci sono stati allenatori come Ancelotti, Capello…”. Insomma, il pensiero dell’ex presidente riassume un po’ forse, quello che è il pensiero di parte dei tifosi bianconeri, che non abbraccerebbero volentieri l’ex allenatore del Napoli visti i trascorsi. Il ‘dito medio’ rivolto in realtà a persone che insultavano Sarri stesso e i suoi calciatori – e non ai tifosi della Juventus in quanto tali – non è mai stato digerito.