Home Napoli News Juventus, addio il sogno Guardiola: “Manchester City? Sono uno di voi!”

Juventus, addio il sogno Guardiola: “Manchester City? Sono uno di voi!”

CONDIVIDI

Juventus-Guardiola, i bianconeri costretti a dire addio al sogno Pep. Il tecnico giura amore al Manchester City: “Non c’è posto migliore di questo!”.

Pep Guardiola (Getty Images)
Pep Guardiola (Getty Images)

Una telenovela durate settimane: chi sarà il prossimo allenatore che siederà sulla panchina dell’Allianz Stadium? Sarà l’ex azzurro Maurizio Sarri, o il pluri-campione Pep Guardiola, sogno bagnato della tifoseria e della dirigenza bianconera. Alla fine, però, la Juventus dovrà arrendersi e dire addio ad una delle due ipotesi: Pep Guardiola resterà l’allenatore del Manchester City, come affermato dal tecnico catalano in primis, attraverso una lunga intervista concessa ai canali ufficiali dei citizens: “Non c’è posto migliore dell’Inghilterra per fare questo lavoro – rivela l’ex allenatore di Barça e Bayern – Qui ti supportano sempre, mi sento uno di loro, uno di voi. Anche io vesto la maglia azzurra, quella del Manchester City”.

Juventus, Guardiola giura amore al City: “Il meglio deve ancora venire!”

Fuga ogni dubbio, quindi, Pep Guardiola, allontanando in prima persone i rumors di mercato che da settimane lo volevano come successore annunciato di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus: “Siamo un gruppo davvero unito e felice, veniamo da un’annata incredibile, siamo felicissimi – confessa Guardiola sui canali ufficiali del club inglese. E alle domande sul proprio futuro risponde: “Sono convinto che il meglio debba ancora venire. Insomma, non c’è posto migliore al mondo per fare il proprio lavoro, in Inghilterra c’è la situazione ideale. Qui il campionato è il più difficile al mondo, per tanti fattori: dal meteo fino al calendario”. Infine, sul paragone tra la Premier League e gli altri campionati risponde: “L’ambiente qui è forte, è come la Spagna o la Germania, ma qui i tifosi non si arrabbiano e ti fischiano. C’è sempre supporto, fa piacere”.