Home Rubriche Napoli, al via il tour de force: si gioca una ogni tre...

Napoli, al via il tour de force: si gioca una ogni tre giorni, Ancelotti darà fondo alla rosa

CONDIVIDI

Napoli, dopo la partita contro il Lecce, prende il via il tour de force che vedrà impegnati gli azzurri una volta ogni tre giorni: Ancelotti darà fondo alla rosa

Juventus - Napoli, la sfida infinita: da Sarri a Llorente, la partita degli ex
Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli (Getty Images)

I primi 360′ minuti di campionato hanno regalato una panoramica completa del Napoli che è e sarà durante il corso della stagione. E se aggiungiamo la prova offerta contro il Liverpool, è giusto leccarsi i baffi. Per la prima volta, gli azzurri sembrano avere una rosa lunga, completa e ampiamente qualitativa, con la coperta che finalmente si allunga e consente di vivere in maniera tranquilla ogni sfida. D’altronde, il tour de force è già cominciato: dalla sfida contro la Sampdoria, gli azzurri hanno dato il via ad un ciclo di ferro, che li vedrà giocare una volta ogni tre giorni, fino alla sosta per le Nazionali in programma il 13 ottobre. Ancelotti sarà chiamato a dare fondo alla rosa per continuare a macinare punti (tra Italia e Europa), nonostante le tante partite ravvicinate.

Napoli, si gioca una ogni tre giorni: Ancelotti darà fondo alla rosa

Così, dopo che nel giro di otto giorni il Napoli ha giocato tre volte, contro Sampdoria, Liverpool e Lecce. Un mini ciclo che ne apre un altro fino al 13 ottobre, con gli azzurri di Ancelotti impegnati in campo una volta ogni tre giorni: Cagliari, Brescia, Genk e Torino, quattro partite nel giro di due settimane. Un periodo temporale in cui il tecnico emiliano darà fondo alla rosa, serrando le rotazioni e dando spazio e minuti importanti a tutti gli elementi della rosa. Un ciclo che riprenderà anche dopo la sosta per le Nazionali, con la formazione azzurra che sarà nuovamente impegnata in maniera serrata: Verona, Spal, Salisburgo, Atalanta, Roma, ancora Salisburgo e Genoa. Un totale di sei partite incastonate nel giro di quattro settimane. Ancelotti incrocia le dita e resta ottimista: la rosa è ampia e qualitativa. Ancor di più quando anche i ritardatari saranno in condizioni ottimali.