Home Napoli News Non rinnovare Mertens e Callejon sarebbe una davvero una follia?

Non rinnovare Mertens e Callejon sarebbe una davvero una follia?

Mertens e Callejon, entrambi accomunati da un contratto in scadenza nel 2020: non rinnovandoli, il Napoli farebbe davvero una follia?

Elmas, Mertens e Lozano (Getty Images)
Elmas, Mertens e Lozano (Getty Images)

Uno dei grandi quesiti che questa stagione sta maturando con sé va al di là delle mere questioni tecniche o contrattuali. Non si può restare freddi e inespressivi dinanzi ai nomi di Dries Mertens José Maria Callejon, due che negli ultimi anni hanno fatto letteralmente la storia di questo Napoli. Oltre le 290 presenze e i 114 gol in azzurro il primo, oltre le 313 e i 79 il secondo. Parliamo di un capitale tecnico di valore inestimabile, che De Laurentiis ha pagato scarsi venti milioni di euro nel lontano luglio 2013 e che ora rischia di perdere a zero. Sia il belga che lo spagnolo sono a scadenza nel 2020 e preoccupa vedere come tutto sia ancora grigiamente fermo. E il ciclo tecnico architettato da Carlo Ancelotti, dopo le ultime partite, appare meno solido e affidabile nel lungo periodo, lasciando presagire anche una fine del rapporto anticipata, e quindi una sostanziale rifondazione in programma per la prossima estate.

LEGGI ANCHE -> Milik in gol e ora chiede spazio: ma Ancelotti gli dà “ragione”

Sì, non rinnovare Mertens e Callejon sarebbe una follia

Al di là di qualsiasi futuro utopico o distopico attenderà il Napoli, con o senza Ancelotti, il prossimo anno non potrà essere il primo anno senza Callejon e Mertens. Non rinnovare il belga e lo spagnolo sarebbe una follia bella e buona, una di quelle inspiegabili che poi finiscono con l’essere rimpiante. Certo, bisogna capire la società, che tiene d’occhio la carta d’identità di entrambi, ma in questo caso bisognerebbe fare uno strappo alla regola. Il Napoli ha la necessità vitale di mantenere due colonne tecniche e soprattutto emotive come loro, personaggi che all’interno dello spogliatoio pesano, sia per i compagni che per i futuri arrivi. Due che la piazza napoletana la conoscono e l’hanno assorbita alla perfezione, dentro e fuori dal campo. E non vedo come possa essere un affare per la società non rinnovare due elementi del genere. La speranza è che De Laurentiis (che di affari ne sa molto più di noi) lo comprenda il prima possibile.