Home Rubriche Rassegna stampa 18 ottobre: le parole di De Laurentiis e la manovra...

Rassegna stampa 18 ottobre: le parole di De Laurentiis e la manovra di Conte

Rassegna stampa venerdì 18 ottobre: De Laurentiis mette tutti sul mercato, Inter più italiana con Conte allenatore. E finalmente si rivede Mihajlovic

rassegna stampa calciomercato Napoli
La rassegna stampa di oggi con i titoli di apertura dei principali quotidiani: calciomercato Napoli e non solo

“La voce del padrone”, così titola il Corriere Dello Sport in prima pagina a proposito delle pesantissime parole pronunciate ieri dal patron del Napoli Aurelio De Laurentiis sui suoi giocatori, scagliandosi contro Insigne, reo di alcuni atteggiamenti sopra le righe nei confronti di Ancelotti per le recenti esclusioni, e Mertens e Callejon, che in scadenza di contratto ha fatto capire che entrambi sono liberi di andare in Cina. Fanno tremare i tifosi azzurri le parole pronunciate su Koulibaly, che hanno aperto spiragli su una possibile cessione futura.

Spazio sul quotidiano romano anche per la lieta notizia di Sinisa Mihajlovic, che è tornato ad allenare i suoi uomini dopo essere stato dimesso dall’ospedale e domani sarà in panchina in occasione di Juventus-Bologna, e la richiesta dei 20 club di Serie A a Sky e MediaPro di aumentare i diritti tv.

Rassegna Stampa: De Laurentiis e le principali notizie di oggi

Sull’edizione odierna de La Gazzetta Dello Sport, oltre alle parole di De Laurentiis c’è spazio per la “Manovra di Conte”, così titolata dal quotidiano milanese, che parla di un Inter più italiana e più giovane con Antonio Conte al comando. Pioli intanto studia il suo Milan per prepararsi al meglio al suo esordio di domenica, a San Siro contro il Lecce. Spazio anche al braccio di ferro tra il comune di Milano e Inter e Milan, per la questione stadio. Il sindaco Sala spinge per la ristrutturazione di San Siro, mentre i due club da quell’orecchio non vogliono sentirci e al massimo sono disposti a costruire un nuovo San Siro a San Siro. La faida è ancora aperta. Sarri intanto ha un dilemma: 4-3-1-2 o 4-3-3?