Home Napoli News Caso De Ligt, è rigore? Marelli: “Regolamento chiaro, è regolare. Zielinski…”

Caso De Ligt, è rigore? Marelli: “Regolamento chiaro, è regolare. Zielinski…”

L’ex arbitro Luca Marelli ha spiegato che secondo il regolamento l’intervento di De Ligt in Juventus-Bologna è regolare

De Ligt GettyImages

A Campania Sport su Canale 21 è intervenuto Luca Marelli, ex arbitro ed ora stimato blogger, che ha analizzato quanto accaduto ieri sera nel corso di Juventus-Bologna: “La questione del rigore di De Ligt ha aperto una discussione su quello che forse era l’unico episodio veramente chiaro di tutta la gara, a termini di regolamento. Il mani del difensore olandese non è sanzionabile, il regolamento è chiaro in materia. Molto più nitida la spallata di Pjanic su Mbaye in occasione del 2-1, che avrebbe decretato un fallo per il Bologna. In quell’occasione è stata applicata la norma del vantaggio? No. La norma della regola del vantaggio non si applica nell’area del difendente, se non in casi davvero molto rari. Il segno che ha fatto in campo indica semplicemente “giocate, che non c’è nulla di irregolare”.

Sulla questione dell’uniformità dei giudizi il pensiero di Marelli è molto netto: “Il problema dell’uniformità è un problema che abbiamo da sempre, per un motivo molto semplice. Alla VAR, così come fra gli arbitri, ci sono degli esseri umani. E naturalmente, in quanto tali, oltre ad essere fallibili hanno ognuno un proprio metro di giudizio. Catalogare ogni singolo episodio e dare una regola univoca è impresa impossibile, perché ci sono tanti episodi simili ma nessuno è uguale all’altro. Il resto è tutto interpretazione, e quello inevitabilmente varia da arbitro a arbitro, e quindi da VAR a VAR”.

Il nuovo regolamento sui falli di mano, per l’arbitro brianzolo, risolve il problema solo a metà: “Le nuove regole sui falli di mano possono sicuramente migliorare la qualità dell’arbitraggio per quanto riguarda la fase offensiva: adesso se un gol nasce da un tocco di mano viene annullato, senza possibilità di errore. Nella fase difensiva la confusione è inevitabile, perché ci sono casistiche differenti, ma semplicemente non è cambiato nulla rispetto a prima perché l’errore interpretativo è sempre dietro l’angolo. Questo episodio di Torino capiterà di nuovo, ma non sarà mai lo stesso identico episodio: ci sarà sempre qualche differenza che potrebbe cambiare l’interpretazione della regola”.

Marelli: “Rigore Zielinski a Firenze simile? No, braccio largo in maniera innaturale”

E il rigore di Zielinski a Firenze? Secondo Marelli, rispetto al caso De Ligt, si tratta di una situazione completamente differente: “Il fallo di Zielinski? Sono due episodi completamente diversi, nella dinamica e nell’esito. Nell’occasione di De Ligt c’è un tocco di mano dopo un cross da 15 metri, con lui che è in scivolata e quindi ha un braccio in appoggio. A Firenze i due calciatori erano vicini fra loro e Zielinski aveva il braccio largo in maniera innaturale, quindi il tocco di braccio è irregolare e quindi porta al rigore”.