Home Napoli News Quando rientra Ghoulam: il chiarimento con Ancelotti

Quando rientra Ghoulam: il chiarimento con Ancelotti

CONDIVIDI

Quando rientra Ghoulam? Domanda che molti tifosi si pongono ormai da diverso tempo. L’algerino è in bilico tra incomprensioni e infortuni. 

Il Napoli di Ancelotti sta preparando la trasferta contro il Milan di Pioli di sabato pomeriggio. Come evidenziato anche dall’ultimo comunicato del club azzurro in merito all’allenamento odierno, il lungodegente Faouzi Ghoulam è ancora impegnato con lavoro differenziato dopo gli ultimi infortuni ed una condizione che proprio non convince il tecnico partenopeo. Milik intanto ha continuato la sua tabella di marcia, in attesa del recupero completo, mentre Allan ha svolto la sessione con il gruppo aspettando poi anche il rientro di tutti i nazionali. Appare quindi ancora avvolto nel mistero il destino del mancino algerino con i tifosi che continuano a chiedersi ‘quando torna Ghoulam?’. Appena cinque le presenze in stagione per un totale di 300 minuti tra qualche acciacco di troppo ed una condizione psico-fisico mai davvero ritrovata dopo il pesante infortunio subito al ginocchio.

Napoli, basta incomprensioni: quando rientra Ghoulam

Ghoulam non gioca dal 6 ottobre e continua a lavorare a parte. Ciononostante pare che finalmente si sia chiarito con il tecnico Ancelotti dopo le incomprensioni di inizio stagione. L’allenatore di Reggiolo a più riprese a specifiche domande ha sottolineato come l’algerino non fosse nelle reali e più consone condizioni per giocare. Questo il motivo delle sue continue esclusioni nonostante le tante defezioni che hanno colpito proprio quella zona di campo.

LEGGI ANCHE->>> Quando rientra Milik: l’ennesimo infortunio di un lungo calvario

Ghoulam e Ancelotti avrebbe quindi parlato facendo rientrare tutti i ‘problemi’ del caso. Così facendo il numero 31 del Napoli dovrebbe quantomeno far parte della lista dei convocati per la gara contro il Milan di sabato pomeriggio alle ore 18:00, seppur un suo impiego da titolare appaia ancora piuttosto remoto e di difficile realizzazione. Più realistica un’altra settimana di lavoro intenso per rientrare in campo magari nella giornata successiva.