Home Napoli News Caos Napoli, nasce il partito dei ‘combattenti’: Manolas la guida

Caos Napoli, nasce il partito dei ‘combattenti’: Manolas la guida

CONDIVIDI

È il momento della svolta in casa Napoli: nasce il partito dei combattenti guidato da Kostas Manolas. Gli azzurri chiamati a risollevare la squadra.

Se avessimo avuto lo stesso rendimento anche in campionato magari, ma in Champions ho avuto ottime risposte di grande livello dai miei giocatori. E’ un periodo che finirà, ma deve finire al più presto, è già durato troppo”. Parole e musica di Carlo Ancelotti che in conferenza stampa ha provato a suonare la carica alle sue truppe che domani scenderanno in campo contro il Genk in una sfida da dentro o fuori. Le chiacchiere ormai stanno a zero e non c’è più tempo per girarci intorno: il Napoli deve vincere e convincere, strappando il pass per gli ottavi di Champions utile anche a dare una bella iniezione di fiducia per il prosieguo del campionato. Buoni propositi che gli uomini di Ancelotti proveranno a tramutare in realtà per rialzare quella testa troppo spesso bassa nelle ultime terribili settimane.

Napoli, Manolas guida il partito dei ‘combattenti’

Secondo quanto sottolineato da ‘Repubblica’ la disastrosa trasferta di Udine di sabato ha quanto meno fatto da spartiacque tra la rassegnazione e la rabbia della squadra, che è quindi esplosa negli spogliatoi rivelando l’esistenza del partito dei ‘combattenti’. A guidare le truppe il greco Kostas Manolas che ha tanta voglia insieme ai suoi compagni di restituire vigore ad una squadra apparsa l’ombra di se stessa. Concetti ribaditi anche da Zielinski e Di Lorenzo prima del mea culpa di Meret risalente alla conferenza stampa di oggi pomeriggio: “Sappiamo che dobbiamo dare qualcosa in più, in campo ci andiamo noi, dobbiamo dare il massimo per uscirne. Non seguiamo le voci, ma pensiamo al campo”. Una battaglia di gruppo, da vincere quindi tutti insieme per riportare il Napoli ai fasti di un tempo. Una vera e propria chiamata alle armi che oltre a Manolas vede quindi coinvolti anche Zielinski, Lozano e Llorente che hanno già dimostrato almeno buona volontà e dato un contributo al partito dei combattenti. Domani contro il Genk l’ultima prova del nove.