Home Altre News Tommasi: “Campionati conclusi? La soluzione non mette d’accordo tutti”

Tommasi: “Campionati conclusi? La soluzione non mette d’accordo tutti”

CONDIVIDI

Tommasi propone una soluzione in caso di campionati conclusi senza scendere in campo, ma l’idea potrebbe scontentare qualcuno

Campionati conclusi
Pallone Serie A (Getty Images)

Damiano Tommasi è il portavoce dei calciatori italiani e in questo periodo la sua posizione riguardo la ripresa della stagione è stata molto chiara. Per lui, come per il Ministro dello Sport Spadafora, non ci sono le condizioni adeguate per riprendere, e chissà se ce ne saranno mai. Tommasi, intervistato al Corriere dello Sport, ha condiviso il pensiero di Spadafora sul prolungamento dello stop degli allenamenti: “Dobbiamo allinearci alle indicazioni che provengono dal governo e dalla comunità scientifica. Le immagini mostrate dall’interno degli ospedali ci dicono che la miglior cosa da fare è restare a casa“. Il presidente dell’Associazione Calciatori tiene aperto anche lo scenario peggiore: “Dobbiamo prepararci all’eventualità di decretare i campionati conclusi, la salute viene prima di tutto”. E quali saranno i piani adottati in questo caso? Tommasi ha la soluzione, che non accontenterà tutti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Ancelotti: “Ci sarà un ridimensionamento”. Nuova assemblea di Lega

Tommasi e l’idea dei campionati conclusi senza un vincitore

Tommasi decreta campionati conclusi
Damiano Tommasi (Getty Images)

Nella peggiore delle ipotesi, quella che Del Pino (Presidente Lega Seria A) vuole scongiurare, Tommasi indica una via: “Se i campionati dovessero essere decretati conclusi, non per forza bisogna indicare un vincitore per questa stagione. Nelle decisioni che verranno prese ci saranno sempre dei danneggiati. Per quanto riguarda la Serie A, indicheremo i nomi di chi sarà ammesso nelle competizioni europee“. E non piace neanche l’idea di ripartire a porte chiuse: “Non è una condizione sicura. Gli spostamenti di gruppi di persone in altre città può provocare altri contagi”
Nell’intervista, Damiano Tommasi ha accolto l’idea della Juventus sul taglio degli stipendi dei calciatori, e ha anche ribadito che bisognerà concludere delle trattative per prolungare i contratti dei giocatori, in caso di ripresa. Accordi che devono esser trovati tra la Lega, l’Associazione calciatori e le società. Tommasi ha in programma con Del Pino un meeting per capire le intenzioni della Lega sulla ripresa del campionato. E questa sera, i presidenti dei club di Serie A si collegheranno in una riunione telematica per poter proporre delle linee da seguire nei prossimi giorni, anche riguardo al congelamento degli stipendi.

Tutto ancora in stand-by. Nulla è deciso e forse non lo sarà neanche dopo la riunione dei presidenti. C’è ancora troppa incertezza sui tempi di ripresa, e ogni giorno che passa cresce il timore di veder congelati tutti i campionati di questa stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Taglio stipendi, ecco quanto risparmierebbe il Napoli