Home Napoli News Napoli, il secondo giro di tamponi posticipa il rientro a Castel Volturno

Napoli, il secondo giro di tamponi posticipa il rientro a Castel Volturno

CONDIVIDI

Il Napoli tornerà a svolgere gli allenamenti a Castel Volturno solo dopo un ulteriore giro di tamponi per staff e calciatori, e intanto spuntano altri positivi in Serie A.

medici sportivi della serie a avanzano dubbi sulla ripresa
Allenamento del Napoli (Getty Images)

Il Napoli riprenderà ad allenarsi nel weekend, sebbene la prima data designata per il ritorno in campo fosse fissata per venerdì. Ma poi nella giornata di giovedì è arrivata la precisazione: si riparte sabato o domenica, dopo che i tamponi hanno dato esiti incoraggianti. La prima rilevazione dei test ha dato zero positivi, a conferma di un trend che al Sud Italia è molto più contenuto rispetto al Nord. Anche il test di Karnezis, elaborato solo più tardi rispetto agli altri a causa di un problema tecnico, è risultato negativo. Dunque, gli azzurri attendono i risultati del secondo giro di accertamenti, già svolto ieri, e possono tornare ad allenarsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Effettuati i tamponi ai calciatori del Napoli

Napoli, si torna a Castel Volturno dopo i tamponi: calciatori divisi per gruppi

napoli tamponi castel volturno
Mario Rui, Lorenzo Insigne, Herving Lozano e Kostas Manolas in allenamento (Getty Images)

Il calcio fa i conti con i casi Fiorentina, Sampdoria e Torino dove i primi test hanno riscontrato alcuni membri fra calciatori e staff ancora positivi. Saranno isolati e curati senza coinvolgere gli altri, ma gli allenamenti riprenderanno senza problemi. E anche Castel Volturno, in seguito ai risultati dei secondi tamponi, si prepara ad accogliere i giocatori del Napoli: due turni da dodici calciatori, un primo turno fissato per le 11 e un altro per le 14. Allenamenti individuali, 3 gruppi da 4, un gruppo per ogni campo a disposizione. Distanza di almeno 2 metri in ogni attività fra i componenti del gruppo, staff compreso, e dopo tutti a casa per la doccia. Contatti ridotti al minimo, per ora, il primo passo verso la normalità.

E intanto si aspetta ancora la decisione del Governo, dopo la relazione presentata dal comitato tecnico scientifico della Protezione Civile. Ancora qualche nodo da sciogliere in caso si riveli qualche giocatore positivo. Come riporta il Corriere della Sera, gli esperti vorrebbero una quarantena per l’intera squadra, mentre la Federcalcio avrebbe proposto solo l’isolamento del calciatore infetto. Si attende l’ok o il no definitivo alla ripresa e intanto ci si prepara per ricominciare.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Terminato l’incontro tra Figc e Cts: problema sui tamponi e casi positivi