Home Rubriche Napoli, dubbi e certezze di formazione per Gattuso: chi giocherà a Parma

Napoli, dubbi e certezze di formazione per Gattuso: chi giocherà a Parma

CONDIVIDI

Rino Gattuso ha ancora tempo per pensare alla formazione titolare per Parma-Napoli, ma dovrà fare i conti con i dubbi di formazione e i giocatori in partenza.

mertens napoli
Dries Mertens (GettyImages)

Mancano undici giorni alla prima di campionato contro il Parma. Una sfida in trasferta che apre ufficialmente una nuova stagione. La rosa resta ancora da limare, sono tanti i giocatori che hanno preso parte al ritiro ma che non continueranno l’avventura azzurra. Dunque, da parte della società sono previste alcune cessioni, e naturalmente anche importanti per le casse del club. Basti pensare a Milik, in scadenza il prossimo anno, o Koulibaly. E poi il reparto offensivo, colmo di esuberi che ancora non hanno trovato una nuova squadra. Tuttavia, Gattuso può fare affidamento ad alcune certezze, alcuni punti fermi del suo undici ideale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, nuovo nome per la difesa: il Lione fissa il prezzo

Calciomercato Napoli, chi resterà escluso da Gattuso per la trasferta a Parma

napoli parma gattuso certezze e dubbi
Arkadiusz Milik (GettyImages)

Una squadra che attualmente conta più di 30 calciatori è difficile da gestire, soprattutto a ridosso dell’inizio di stagione. C’è da aspettarsi qualche trasferimento in entrata e in uscita proprio verso la fine di settembre, tra una partita e l’altra. Due dei top player su cui il Napoli punta di incassare tanti soldi non hanno ancora chiaro il proprio futuro. Nelle ultime ore, anche il Paris Saint Germain si sarebbe fatto avanti per Kalidou Koulibaly. La dirigenza della squadra francese, a differenza di quella del Manchester City, ha un rapporto più sereno con Aurelio De Laurentiis e questo potrebbe facilitare la trattativa. Le richieste della società partenopea restano elevate e il difensore ha fretta di conoscere il suo futuro.

Arkadiusz Milik è stato dichiaratamente messo sul mercato, ma manca l’intesa con i club. La Roma, la più accreditata ad acquistare il cartellino del polacco, potrebbe tirarsi indietro e virare su un altro attaccante o confermare Edin Dzeko. Llorente, Younes, Ounas hanno diversi scenari aperti e certamente non rientrano nei piani di Ringhio Gattuso. Andrea Petagna si aggiunge alla lista degli attaccanti e dovrà conquistarsi il posto: davanti a sé Osimhen e Mertens. Non è impensabile che possa esser ceduto in prestito verso la fine del mese.

Per quanto riguarda i difensori, Maksimovic e Hysaj non hanno trovato l’accordo per il rinnovo e la società dovrebbe venderli presto per non rischiare di lasciarli a parametro zero il prossimo anno. Una loro partenza, porterebbe a nuovi acquisti per colmare il vuoto. Ghoulam, secondo la Repubblica, starebbe trattando con la società per la risoluzione del contratto per raggiungere la Premier League.

Le certezze azzurre: i punti fermi di Gattuso

gattuso e insigne
Lorenzo Insigne e Gennaro Gattuso (GettyImages)

Per il primo match di Serie A, il mister difficilmente stravolgerà la formazione. Punterà ancora su Ospina tra i pali, Di Lorenzo e Mario Rui terzini e Manolas e Koulibaly, se non dovesse trovare ancora una nuova squadra. In caso di cessione, è pronto a debuttare Rrhamani. Qualche dubbio sullo schieramento dal centrocampo in su. Le due prossime amichevoli contro Pescara  e Sporting serviranno a capire se Gattuso potrà contare sul 4-3-3 o sul 4-2-3-1. Senza alcun dubbio, resteranno certi di un posto in campo Fabian e Zielinski, fresco di rinnovo.

Politano e Mertens potrebbero cominciare titolari nel tridente, ma è solo questione di tempo. Scalpitano Lozano e Osimhen che avranno modo e tempo per sovvertire le gerarchie. Lorenzo Insigne ha dimostrato con la maglia della Nazionale di essere già in un grande stato di forma, soprattutto mentale. In Parma-Napoli ha il posto assicurato sulla fascia sinistra, una delle certezze su cui si baserà Rino Gattuso per tutta la stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli-Pescara a porte chiuse: quando i tifosi ritorneranno al San Paolo