Home Napoli News Napoli, Milik ha lasciato Castel Volturno: ore contate in azzurro

Napoli, Milik ha lasciato Castel Volturno: ore contate in azzurro

CONDIVIDI

Milik ha lasciato Castel Volturno e il suo agente è sbarcato a Roma: questione di ore per l’addio al Napoli. 

milik roma dzeko
Milik contro la Roma (GettyImages)

La cessione ormai sembra l’unica strada percorribile per Arkadiusz Milik. Il centravanti del Napoli è stato abbandonato dalla società per non aver rinnovato e gli è stato esplicitamente detto di trovarsi una nuova squadra. La sua richiesta di rispettare il contratto non è stata ben accolta, tant’è che Gattuso l’ha lasciato fuori dai convocati nelle amichevoli contro il Pescara e contro lo Sporting, poi non disputata. E’ arrivata un’offerta ufficiale della Roma, la quale contemporaneamente starebbe trattando con la Juventus. Il futuro di Milik potrebbe tingersi di giallorosso nelle prossime ore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato, Milik-Dzeko: dopo 4 anni i destini si incrociano ancora

Napoli, Milik non si è allenato con il gruppo: ha lasciato Castel Volturno

Milik lascia castel volturno
Arkadiusz Milik (GettyImages)

L’attaccante azzurro, ancora per poco, non si è allenato con il resto dei suoi compagni. Inoltre, come riportato da Radio Kiss Kiss Napoli, Milik avrebbe lasciato il Training Center di Castel Volturno. Nel frattempo, il suo procuratore David Pantak sarebbe a Roma, evidentemente per trattare con la società capitolina. Il passaggio in giallorosso ormai sembra quasi scontato, visto che la Juventus gli avrebbe preferito Edin Dzeko.

Arkadiusz potrebbe concludere ufficialmente il trasferimento entro questa settimana, se non addirittura in questa giornata. Alla Roma guadagnerebbe circa 5 milioni di euro a stagione per cinque anni. Per Fonseca diventerebbe l’attaccante titolare, visto l’imminente passaggio del bosniaco alla Juve. Dopo quattro anni sembra ormai finita l’esperienza di Milik al Napoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, Cavani e Milik re dell’esordio: Osimhen e Petagna contro il tabù